portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
cerca
Minzolini: la partitocrazia ed il confino giornalistico
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Alessandro Gallucci
10 dicembre 2011 17:02
 
Augusto Minzolini, attuale direttore del Tg1, martedi’ sara’ sollevato dal proprio incarico. La notizia e’ stata riportata da tutti i maggiori quotidiani nazionali. Un provvedimento, da tanti sperato, che lascia sbigottiti per l’ipocrisia e la tempistica tipiche della cultura partitocratica che imperniano la Tv pubblica.
Pare, infatti, che il direttore generale della Rai, Lorenza Lei, voglia far valere una legge, la n. 97 del 2001, che, tra le varie ipotesi, nel caso di accusa per peculato, consente di trasferire (a parita’ di mansioni e retribuzione) un dipendente di un ente pubblico o a partecipazione pubblica (il caso della Rai). Sembra che all’ormai ex direttore del telegiornale verra’ offerto il ruolo d’inviato in qualche sede estera. Con tutti i benefit che quella posizione comporta. Ivi compresi i rimborsi spese. Insomma, a metterla sul ridicolo, per uno accusato di aver distratto soldi dalle carte di credito aziendali la misura sa piu’ di promozione che di punizione.
Ironia a parte, se quanto trapelato fosse vero si tratterebbe di una misura dal sapore di confino. Minzolini e’ indagato da mesi anche per altre vicende e solamente adesso si provvede a sostituirlo. Per carita’, come dicevano gli antichi dura lex sed lex; l’articolo della legge in questione opera obbligatoriamente al momento del rinvio a giudizio; proprio per cio’ e’ andata bene al direttore del Tg che non sia stato posto in aspettativa retribuita. Certo sarebbe stato piu’ coraggioso da parte dei vertici dell’azienda di servizio pubblico rimuovere il direttore della principale testata giornalistica ben prima e per i clamorosi fallimenti pervenuti durante la sua direzione. Cosi’, pero’, si sarebbe contravvenuti al diktat della partitocrazia italiana che, nella piu’ rinomata logica di lottizzazione della Tv di Stato, aveva riservato a Minzolini il ruolo di speaker della maggioranza governativa. Maggioranza che ora e’, in parte, diversa e quindi necessita di un nuovo strillone di regime. Se la Rai fosse stata un’azienda privata (come vorrebbe un referendum del 1995, vinto dagli elettori), magari concessionaria del servizio pubblico, non si sarebbe dovuti ricorrere a questo sotterfugio giuridico per rimpiazzare un direttore: questo sarebbe stato cambiato molto prima per risultati scadenti o, meglio ancora, la scelta, fin dal principio, sarebbe stata differente.
http://ituriele.blogspot.com

Consulenza
Ufficio reclami
ARTICOLI IN EVIDENZA
6 aprile 2012 18:07
Diritto d'autore. Resuscita il regolamento AGCOM. Quando i diritti sono un lusso
21 marzo 2012 11:24
Internet e il danno alla persona. Nuovo case book
15 febbraio 2012 13:57
Commercio elettronico, brand reputation e pubblicita' occulta. Proposta di legge per la tutela della fiducia nell'Ecommerce
25 gennaio 2012 12:17
Diritti digitali. Legge comunitaria 2011: ancora censura
19 gennaio 2012 19:40
Net neutrality e accesso. La gestione del traffico web condiziona le liberta’ digitali. Agcom 40/11/cons
10 dicembre 2011 17:02
Minzolini: la partitocrazia ed il confino giornalistico
8 dicembre 2011 17:44
Diritto d'autore. Corte Giustizia Ue: non e' intangibile. No a tecniche di filtraggio
7 dicembre 2011 10:21
Danni imprevisti, responsabilità civile, prescrizione
30 novembre 2011 10:00
Rete sociale in piccolo formato: più vicini nel quartiere
23 novembre 2011 13:00
Telemarketing. Il registro Opposizioni non funziona. Oltre il danno anche la beffa
21 ottobre 2011 10:48
Tv. Passaggio al digitale terrestre. Attenzione alla truffe
Donazioni
TEMI CALDI
18 dicembre 2014 (5 post)
Cambio piano tariffario H3G
17 dicembre 2014 (5 post)
Le truffe colpiscono quasi sempre i piu' deboli e costano a tutti. Ma cosa passa nella testa di chi le mette in atto? Perche' continua l'inazione da parte dello Stato?
16 dicembre 2014 (1 post)
problemi con Telecom
10 dicembre 2014 (8 post)
Pubblicità ingannevole Titel/Pafal, Tar sospende provvedimento Antitrust
9 dicembre 2014 (1 post)
Abbonamenti truffa attraverso l'operatore di telefonia TRE
6 dicembre 2014 (1 post)
Abbonamento rai, appartenenza nucleo familiare
4 dicembre 2014 (1 post)
migrazione da fastweb a telecom - problematica di fastweb che non mi lascia chiudere
3 dicembre 2014 (2 post)
La Rai di Tarantola
30 novembre 2014 (18 post)
Imposta/canone Rai. La riforma? Mah...
28 novembre 2014 (1 post)
sito dating - impossibile accesso e cancellazione
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori