portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Minzolini: la partitocrazia ed il confino giornalistico
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Alessandro Gallucci
10 dicembre 2011 17:02
 
Augusto Minzolini, attuale direttore del Tg1, martedi’ sara’ sollevato dal proprio incarico. La notizia e’ stata riportata da tutti i maggiori quotidiani nazionali. Un provvedimento, da tanti sperato, che lascia sbigottiti per l’ipocrisia e la tempistica tipiche della cultura partitocratica che imperniano la Tv pubblica.
Pare, infatti, che il direttore generale della Rai, Lorenza Lei, voglia far valere una legge, la n. 97 del 2001, che, tra le varie ipotesi, nel caso di accusa per peculato, consente di trasferire (a parita’ di mansioni e retribuzione) un dipendente di un ente pubblico o a partecipazione pubblica (il caso della Rai). Sembra che all’ormai ex direttore del telegiornale verra’ offerto il ruolo d’inviato in qualche sede estera. Con tutti i benefit che quella posizione comporta. Ivi compresi i rimborsi spese. Insomma, a metterla sul ridicolo, per uno accusato di aver distratto soldi dalle carte di credito aziendali la misura sa piu’ di promozione che di punizione.
Ironia a parte, se quanto trapelato fosse vero si tratterebbe di una misura dal sapore di confino. Minzolini e’ indagato da mesi anche per altre vicende e solamente adesso si provvede a sostituirlo. Per carita’, come dicevano gli antichi dura lex sed lex; l’articolo della legge in questione opera obbligatoriamente al momento del rinvio a giudizio; proprio per cio’ e’ andata bene al direttore del Tg che non sia stato posto in aspettativa retribuita. Certo sarebbe stato piu’ coraggioso da parte dei vertici dell’azienda di servizio pubblico rimuovere il direttore della principale testata giornalistica ben prima e per i clamorosi fallimenti pervenuti durante la sua direzione. Cosi’, pero’, si sarebbe contravvenuti al diktat della partitocrazia italiana che, nella piu’ rinomata logica di lottizzazione della Tv di Stato, aveva riservato a Minzolini il ruolo di speaker della maggioranza governativa. Maggioranza che ora e’, in parte, diversa e quindi necessita di un nuovo strillone di regime. Se la Rai fosse stata un’azienda privata (come vorrebbe un referendum del 1995, vinto dagli elettori), magari concessionaria del servizio pubblico, non si sarebbe dovuti ricorrere a questo sotterfugio giuridico per rimpiazzare un direttore: questo sarebbe stato cambiato molto prima per risultati scadenti o, meglio ancora, la scelta, fin dal principio, sarebbe stata differente.
http://ituriele.blogspot.com

Consulenza
Ufficio reclami
ARTICOLI IN EVIDENZA
10 dicembre 2011 17:02
Minzolini: la partitocrazia ed il confino giornalistico
Donazioni
TEMI CALDI
17 aprile 2014 (2 post)
Tlc e cattivi-pagatori. Verso la banca dati... un nuovo strumento dei gestori per vessare gli utenti?
16 aprile 2014 (4 post)
Come il nostro computer ci manipola. Cookie e consumatori
11 aprile 2014 (1 post)
Recesso sky con raccomandata semplice
9 aprile 2014 (1 post)
Cambio forzato piano tariffario TIM
9 aprile 2014 (1 post)
Privacy. Google paga una multa di 1 mln per Street view
8 aprile 2014 (1 post)
Vodafone cambia piano
2 aprile 2014 (2 post)
Come non pagare più il canone TV
1 aprile 2014 (2 post)
segnalazione setelefonando.net o trentotelefonia.net
26 marzo 2014 (1 post)
Costo migrazione ADSL ad altro operatore
25 marzo 2014 (1 post)
Yoweshop/Setelefonando
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori