testata ADUC
disdetta contratto tim
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
18 giugno 2017 0:00
 
Buongiorno, di seguito espongo la vicenda chiedendovi consiglio per risolver la situazione:
Nel Novembre 2015 ho stipulato un contratto per fornitura adsl e altri servizi con Tim.
Con la fattura di Giugno 2016 mi comunicano la variazione di contratto che io posso non accettare e per cui recedere dal contratto secondo l’art. 70 comma 4 del codice delle comunicazioni elettroniche, ora cito testualmente quanto riportato nella comunicazione: “Si precisa che, anche nel caso di passaggio ad altro operatore, al fine di evitare l’addebito dei costi di disattivazione, è necessario inviare una richiesta di recesso scritta e fotocopia del tuo documento di identità, in qualità di titolare del contratto da cessare, all’indirizzo postale indicato in questa fattura, oppure via fax al numero gratuito 800.000.187.”
Preciso che non è riportato alcun indirizzo di posta ma solo il numero di fax, perciò ho provveduto a mandare un fax in data 01/07/2016 a tale numero comunicando che intendevo recedere dal contratto secondo l’art. 70 comma 4 del codice delle comunicazioni elettroniche poiché non accettavo la variazione di contratto.
Contattando operatore telefonico scopro che tale fax non è stato preso in considerazione ed il 21/07/2016 ho inviato raccomandata menzionando l’intenzione di recedere dal contratto con l’invio di suddetto fax ahimè non citando questa volta l’art. 70.
Per cui ho pagato a settembre le spese di disattivazione ed ora sono a chiedermi il pagamento con fattura e bollettino postale degli sconti usufruiti per la cessazione anticipata del contratto.
La mia domanda è se la comunicazione di disdetta tramite fax può essere valida ed in tal caso come agire per la richiesta degli sconti usufruiti.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro e ringrazio per l’attenzione.
Davide, da Pian Camuno (BS)

Risposta:
crediamo che lei possa intraprendere una azione di rimborso dei soli costi di disattivazione, ritenendo pretestuosa la motivazione dei relativi addebiti Questo cio' che dovrebbe fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni e allegando le copie dei documenti comunicativi inviati:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori