portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Restituzione decoder Fastweb
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
22 febbraio 2008 0:00
 
Gentile ADUC,
La mia lettera si inserisce nel filone di quanto scritto da Franco, nella lettera a Cara ADUC del 19 gennaio 2008.
In sintesi, sono un cliente Fastweb e, in seguito al mio recesso dai servizi televisivi, mi sono trovato nell'impossibilità di conoscere le modalità di riconsegna del decoder, subendo poi un addebito in fattura proprio per la sua mancata restituzione.
Ecco i dettagli della vicenda.
In qualità di contraente di contratto Full, in data 8 ottobre 2007 ho dato disdetta ai servizi televisivi, con raccomandata A/R spedita al Servizio Clienti E.BisMedia, restando in in attesa di conoscere le modalità di restituzione del decoder.
Non avendo ricevuto comunicazione alcuna, ho chiamato il Servizio Clienti di Fastweb il 7 novembre 2007, e ho parlato con un'operatrice, la quale mi disse di attendere ancora le comunicazioni necessarie, che sarebbero dovute giungere tramite e-mail ed sms.
Non avendo ricevuto alcuna comunicazione, il 16 gennaio 2008 ho richiamato il Servizio Clienti di Fastweb per essere ulteriormente ragguagliato, e la signorina del call center mi ha informato del fatto che:
1) le comunicazioni di cui sopra risultavano inviate il 16 dicembre 2007;
2) il termine per la restituzione era scaduto il 6 gennaio;
3) mi sarebbe stata addebitata una mora di 85 euro per la mancata restituzione.
L'operatrice mi forniva poi un indirizzo e-mail ed un numero di fax per segnalare il disguido.
Lo stesso 16 gennaio 2008, ho scritto una e-mail all'indirizzo indicato, descrivendo i fatti e chiedendo per la terza volta di conoscere le modalità di restituzione del decoder.
A questa e-mail, di cui ho ricevuto immediatamente la conferma automatica di ricezione, non ha mai fatto seguito una risposta da parte di Fastweb.
Pertanto, il 23 gennaio 2008 ho spedito un fax al numero indicatomi, ribadendo quanto espresso nell'e-mail precedente. Nemmeno al fax ho ricevuto risposta.
Infine, l'8 febbraio 2008, ho richiamato il Servizio Clienti di Fastweb, e in questo caso l'operatrice riconosceva che in effetti non mi erano state comunicate nè per e-mail nè per sms le modalità di restituzione del decoder, affermando tuttavia che tali comunicazioni non erano dovute, e che le modalità di restituzione in caso di recesso dai servizi tv erano state indicate nelle fatture inviate ai clienti nel mese di luglio.
Ora, a me era stato indicato esplicitamente di attendere tali comunicazioni, poi definite "non dovute".
Inoltre, nella fattura di luglio - la prima che ho ricevuto in assoluto da Fastweb, essendo un cliente nuovo -, non vi è alcun riferimento alle modalità di restituzione del decoder in caso di recesso dai servizi televisivi. Soltanto nella fattura di settembre vi è la notifica di variazioni alle condizioni generali del contratto, riguardanti l'articolo relativo alla durata ed al recesso dal contratto stesso, consultabili sulle pagine web dedicate ai clienti Fastweb. Tale articolo, tuttavia, non mi pare disciplini la specifica situazione in cui mi sono trovato, ed in particolare non espone le modalità di restituzione degli apparati.
Infine, la signorina mi ha finalmente fatto sapere ciò che chiedevo da ottobre: ossia mi ha fornito un indirizzo al quale spedire il decoder, cosa che ho fatto l'11 febbraio 2008.
Ovviamente, nella fattura di gennaio, che mi viene addebitata direttamente sul conto corrente, ho subito l'addebito di 85 euro che mi era stato preannunciato.
A questo punto, gentile ADUC, desidererei non solo ricevere un consiglio per quanto riguarda le iniziative più opportune al fine di ottenere la restituzione di questo importo che ritengo mi sia stato illegittimamente addebitato, ma anche - e soprattutto - vorrei sapere se esista la possibilità di intraprendere iniziative volte al risarcimento del danno prodotto ai consumatori dalle perdite di tempo e di denaro derivanti dalle inefficienze della controparte.
Grazie,
Tommaso, da Roma (RM)

Risposta:
Si faccia valere con una lettera raccomandata A/R di messa in mora, con la quale chiede la restituzione delle somme indebitamente pagate ed il risarcimento dei danni subiti, quantificandoli: clicca qui
Consulenza
Ufficio reclami
LETTERE IN EVIDENZA
22 febbraio 2008 0:00
Canone Rai e contattare la Rai
22 febbraio 2008 0:00
Uso dell'interpello
22 febbraio 2008 0:00
Contratto con la 3 non rispettato
22 febbraio 2008 0:00
Restituzione decoder Fastweb
22 febbraio 2008 0:00
Telecom inadempienza contrattuale
22 febbraio 2008 0:00
Indagare sull'efficienza del Corecom
Donazioni
TEMI CALDI
19 luglio 2014 (1 post)
disdetta rai
17 luglio 2014 (3 post)
Lettara RAI "strana"
15 luglio 2014 (4 post)
Campagna dell'Aduc. Disdici il canone RAI
15 luglio 2014 (1 post)
Variazioni contrattuali Tim e Vodafone
14 luglio 2014 (4 post)
Truffa cubovision Telecom
12 luglio 2014 (7 post)
Pos partite Iva – canone Rai – Tasi... 'cosi' e' (se vi pare)'
11 luglio 2014 (5 post)
Windows pre-installato e class action contro Microsoft. Lo stop del Tribunale di Milano e la condanna di Aduc a pagare
5 luglio 2014 (1 post)
Telefonia fissa. Cambio operatore e codice segreto antitruffa: la cultura iper-regolistica dell'Agcom non risolve i problemi. Contro i gestori truffaldini: piu' controlli e sanzioni
3 luglio 2014 (1 post)
cessazzione contratto Vodafone
2 luglio 2014 (3 post)
Imposta/canone Rai per le partite Iva? E' legittimo, anche se ingiusto. Ora aboliamolo!
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori