testata ADUC
Restituzione modem Ariamax
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
9 aprile 2013 0:00
 
La società Ariamax mi ha proposto una prova gratuita del servizio di internet banda larga WiMax.
L'operatrice telefona mi ha garantito che se avessi dato tempestivamente la disdetta non avrei avuto spese.
La prova non era stata soddisfacente, quindi ho dato disdetta. Purtroppo non sono riuscito ad restituire tempestivamente il modem. La società Aria ha omesso l'informazione dell'indirizzo di restituzione. Ho provato a contattarli per chiedere l'indirizzo, ma il numero verde non mi ha risposto. Ho provato a consegnarlo ad un agente a 30Km da casa mia, ma la restituzione mi è stata negata perché non era a lui che dovevo far la consegna, e lui non sapeva darmi indicazioni.
Ora, a distanza di un anno, AriaMax pretende il pagamento della fattura di 101,83 euro. Questa volta riprovando a contattarli sono riuscito a sapere l'indirizzo di restituzione e inviare (pagando le spese) il modem (mai usato) alla società che li gestisce per conto di Ariamax. Tuttavia sono stato contattato da Ariamax via telefonica che mi comunicava che a parer loro la fattura andava comunque pagata perché erano scaduti i termini temporali della restituzione.
Premetto che non ho mai firmato il contratto che Ariamax mi ha spedito, e che quindi non ho accettato le loro condizioni di pagamento della "non" restituzione del modem.
La fattura di aria risulta inoltre di importo sbagliato perché riporta il valore dei nuovi contratti e non di quello che mi avevano inviato. Essendo passato parecchio tempo i contratti di Ariamax sono cambiati. L'operatrice telefonica infatti fa riferimento a una clausola contrattuale che nel mio contratto (non firmato) non esiste. Nel mio contratto esiste la medesima clausola ma con numero di identificazione diverso e anche con importo diverso.
Io mi sento in buona fede: ho riconsegnato il modem in buono stato anche se oltre i termini temporali da loro previsti. Non sono riuscito a consegnarlo prima perché non sono riuscito a sapere dove inviarlo.
Cosa devo fare? Devo pagare la fattura? Vi ringrazio anticipatamente della risposta
Marco, da Trevenzuolo (VR)

Risposta:
se nel primo contratto fornitole non era indicato l'indirizzo al quale inviare il modem, non paghi e si faccia valere con una lettera raccomandata A/R di diffida:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
Per il prosieguo, legga qui:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori