testata ADUC
Canone Rai in bolletta dal 2016: scheda pratica
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Rita Sabelli
20 giugno 2016 10:39
 
Dal 1 Gennaio 2016 sono cambiate le regole di riscossione del canone RAI ordinario, ovvero quello che grava sulle abitazioni private. Il Regio decreto 246/1938 è infatti stato riformato dalla Legge di Stabilità 2016 e le disposizioni attuative sono state emanate dal Ministero dello sviluppo economico con Decreto del 13/5/2016 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 4/6/2016.

La sostanziale novità è l'introduzione di una presunzione di legge riguardo al possesso di apparecchi soggetti alla tassa, ovvero “atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive”, da parte di privati che abbiano un'utenza elettrica ad uso domestico nella propria casa di residenza.
Sulla base di questa presunzione è stato introdotto l'addebito direttamente sulla bolletta elettrica, ed in questo modo lo Stato ha ottenuto di poter riscuotere coattivamente la tassa senza dover "affidarsi" al pagamento volontario dei contribuenti.
L'importo annuale del canone scende a 100 euro diviso in dieci rate, con addebito delle prime sei (60 euro) nella bolletta elettrica emessa successivamente al 1 Luglio 2016, e delle ulteriori quattro nelle successive bollette.
Dal 2017 il pagamento avverrà in dieci rate mensili, scadenti il primo giorno dei mesi da Gennaio a Ottobre ed addebitate sulla bolletta elettrica successiva alla singola scadenza. 

Su chi non possiede gli apparecchi suddetti grava l'onere di inviare una comunicazione apposita una volta all'anno, su modulo predisposto dall'Agenzia delle entrate. A seconda del momento in cui si invia la dichiarazione scatta l'esenzione: per ottenere quella per il secondo semestre del 2016 la scadenza è il 30 Giugno 2016. Per ottenere l'esenzione per il 2017 l'invio può avvenire dal 1 Luglio 2016. L'esenzione per tutto il 2016 era ottenibile inviando la dichiarazione entro il 16 Maggio, scadenza della quale abbiamo a suo tempo dato ampia notizia con pubblicazione di una scheda contenente il modulo.

Da precisare che rimangono invariate le regole di riscossione per il canone speciale, relativo alle attività commerciali e/o imprenditoriali (negozi, ristoranti, uffici, etc.), non toccate dalla “riforma”.

Per ogni approfondimento e dettaglio si veda la nuova scheda Canone Rai in bolletta dal 2016: una guida
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori