portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
cerca
 ITALIA - ITALIA - Corte dei Conti fa i conti alla Rai. 79,9 mln di perdite nel 2009
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
14 aprile 2011 11:21
 
La Corte dei conti – Sezione controllo Enti – Pres. R. Squitieri, Rel. Cons. A.T. De Girolamo – ha reso pubblica la Determinazione n. 16/2011 dell’8 aprile 2011 – Relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria di RAI – Radiotelevisione italiana S.p.A. per gli esercizi 2008 e 2009.
A seguire il comunicato della Corte.
Nel biennio 2008/2009 sono intervenute modifiche organizzative dichiaratamente rivolte alla razionalizzazione del modello organizzativo della RAI, con riguardo anche ad esigenze rappresentate dalla Corte nell'ultimo referto. In tali termini è stata motivata la rivisitazione dell’assetto complessivo delle Aree facenti capo alla Direzione Generale, con l’introduzione di quattro Vice Direzioni Generali, al dichiarato fine di ridurre il numero delle strutture dipendenti dalla Direzione Generale, e di creare idonei presidi di governo e di controllo.
Ad analoga finalità di razionalizzazione, oltre che di integrazione delle attività editoriali/produttive del Gruppo, è rivolta la intervenuta fusione per incorporazione nella Capo Gruppo delle società Rai Click e Rai Sat.
La Corte ha rappresentato l’esigenza che il processo avviato continui e si realizzi in modo rapido, accompagnato da una omogeneizzazione dei processi decisionali interni, necessaria per garantire una più fluida operatività della macchina aziendale.
Permangono e risultano accentuati i profili di criticità nella gestione della RAI già evidenziati nel precedente referto e, primo fra tutti, il persistente sbilancio negativo tra ricavi e costi, le cui ripercussioni sulla situazione economico-patrimoniale e finanziaria della Società stanno assumendo carattere strutturale e dimensioni preoccupanti (con una perdita di 79,9 milioni di Euro nel 2009).
A determinare i risultati negativi, oltre al mancato contenimento dei costi, contribuisce anche la inadeguatezza del contratto di servizio (stipulato tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la RAI) in tema di copertura dei costi che lo svolgimento del servizio pubblico comporta.
Tale analisi è confermata dal ripetersi di risultati negativi dell'aggregato A della contabilità separata (quella che espone í ricavi derivanti dai canoni di abbonamento ed i relativi costi sostenuti per il Servizio pubblico in attuazione delle previsioni del contratto).
Detto aggregato, da quando si è data applicazione alla disposizione dell'art. 47 del d. lgs. n. 177 del 2005 sulla contabilità separata - che prevede l'obbligo di copertura dei costi del servizio pubblico - (5 anni riferiti agli esercizi 2005-2009) è risultato costantemente in disavanzo (per 221 milioni nel 2005, per 296 milioni nel 2006, per 159 milioni nel 2007, per 335 milioni nel 2008 e per 337 milioni nel 2009) con un deficit complessivo certificato, nel sopraindicato quinquennio di attuazione dei contratti di servizio, di 1.348 milioni di Euro.
La situazione non è bilanciata dai risultati dell'aggregato B (che espone i ricavi ed i costi dell'attività commerciale) che, pur avendo chiuso in avanzo (114 milioni per il 2007, 149 milioni per il 2008 e per 118 milioni nel 2009), presenta margini positivi sempre più esigui, per la contrazione del mercato pubblicitario, ed è prevedibile che risulterà sempre meno compensativo.
E anche da tener presente che la RAI, oltre ad avere, per legge, un'organizzazione strutturale e regionale estesa su tutto il territorio nazionale, sta affrontando un impegnativo piano di investimenti, sempre stabilito per legge, per l'adeguamento impiantistico al sistema digitale terrestre (DTT), per il quale la Società lamenta l'insufficienza dei contributi pubblici sin qui stanziati.
In tale situazione la Corte ha ribadito l’esigenza inderogabile di rigorosi interventi di contenimento dei costi.

Gli introiti da canone di abbonamento continuano a rappresentare la più cospicua fonte di finanziamento della RAI. E tale rilevanza, considerati i presumibili effetti della crisi economica sulla raccolta pubblicitaria, è destinata ad accentuarsi.
I dati del bilancio RAI 2009 evidenziano che l'incidenza percentuale delle entrate da canone sul totale dei ricavi aziendali è stata del 56,3%, contro il 31,4% della pubblicità ed il 12,3% degli altri ricavi.
L'entrata - voluta e quantificata dal legislatore è, peraltro, notevolmente compromessa dalle crescenti dimensioni dell'evasione, che si attesta, per il canone ordinario, intorno al 26,5% (stima a fine 2009), con un mancato introito per l'Azienda di oltre 500 milioni di euro.
Il recupero dell'evasione, anche per gli abbonamenti speciali - che non si riesce peraltro a contrastare – potrebbe contribuire, in particolare, a riequilibrare la posizione economico-finanziaria della Rai.
Le performance economico-finanziarie e patrimoniali della RAI e del Gruppo hanno registrato nel biennio in esame un notevole peggioramento: dalla perdita di 4,8 milioni di Euro del 2007, si è passati alla perdita di 37 milioni per il 2008 e di 79,9 milioni per il 2009.
In corrispondente andamento i valori del conto economico consolidato, negativo per 4,9 milioni nel 2007, per 7,1 nel 2008 e per 61,8 nel 2009.
In diminuzione il patrimonio netto della Società, che passa dai 576,8 milioni del 2008 ai 497,1 milioni del 2009.
In rilevante aumento i debiti finanziari di Gruppo, che assommano, nel 2009, a 151,5 milioni di Euro a fronte dell’attivo finanziario di 21,1 milioni registrato per il 2008.
Alle suesposte criticità, la Rai è impegnata a dare risposta, al fine di ripristinare un duraturo livello di sostenibilità economico-finanziaria, accentuando la linea della riduzione dei costi e della razionalizzazione delle strutture.
La relazione è disponibile sul sito Internet www.corteconti.it, aprendo dall’home page la cartella: Ultimi documenti pubblicati.
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
14 dicembre 2011 20:26
 ITALIA - ITALIA - Auditel favorisce Rai e Mediaset, pesante sanzione Antitrust
2 dicembre 2011 10:41
 ITALIA - ITALIA - Situazione sociale in Italia. Rapporto Censis
17 settembre 2011 8:35
 MONDO - MONDO - Internet, Anonymous annuncia piano per garantire libertà di informazione
17 settembre 2011 8:24
 ITALIA - ITALIA - Yahoo! condannata per aver ospitato video Mediaset
14 settembre 2011 7:43
 ITALIA - ITALIA - Tasse. La piu' odiata si conferma l'imposta/canone Rai
14 aprile 2011 11:21
ITALIA - Corte dei Conti fa i conti alla Rai. 79,9 mln di perdite nel 2009
26 marzo 2011 9:12
 GERMANIA - GERMANIA - Imposta/canone tv pubblica. Berlusconi testimonial
24 febbraio 2011 18:11
 ITALIA - ITALIA - Controversie tlc. Nel 2010, 48 mila istanze di conciliazione davanti ai Corecom
24 febbraio 2011 12:05
 ITALIA - ITALIA - I prezzi nei diversi settori: relazione Antitrust al Parlamento
24 febbraio 2011 11:36
 ITALIA - ITALIA - Spot nucleare. Bocciato da Giuri' Autodisciplina pubblicitaria
21 febbraio 2011 12:53
 ITALIA - ITALIA - Annunci. Rete Internet in fibra ottica: a fine febbraio novità sulla nuova società pubblico-privata
Donazioni
TEMI CALDI
6 dicembre 2014 (1 post)
Abbonamento rai, appartenenza nucleo familiare
3 dicembre 2014 (2 post)
La Rai di Tarantola
30 novembre 2014 (18 post)
Imposta/canone Rai. La riforma? Mah...
27 novembre 2014 (2 post)
Imposta/canone Rai. Sottosegretario conferma politiche del Governo
21 novembre 2014 (2 post)
Campagna dell'Aduc. Disdici il canone RAI
21 novembre 2014 (2 post)
Imposta/canone Rai per le partite Iva? E' legittimo, anche se ingiusto. Ora aboliamolo!
17 novembre 2014 (4 post)
Canone rai. Visita funzionario.
7 novembre 2014 (2 post)
Canone rai diventa obbligatorio anche per chi non ha il televisore
21 ottobre 2014 (3 post)
abbonamento rai
18 ottobre 2014 (1 post)
Imposta/canone Rai. Esigerlo con metodi arroganti e di disinformazione?
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori