testata ADUC
Buy and share - Girada rifiuta il rimborso
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
10 maggio 2018 0:00
 
Questa è la mail che ho mandato a girada e la risposta che mi hanno dato. adesso come devo procedere.
Gentile Cliente,
facendo seguito alla Sua richiesta di rimborso dell’ordine da Lei indicato, purtroppo, la stessa non è accoglibile, in quanto sono inesorabilmente trascorsi i 14 giorni dalla prenotazione da Lei effettuata. I termini per poter chiedere il rimborso della prenotazione sono chiaramente specificati nelle nostre condizioni di vendita che, all’atto della prenotazione, ha accettato e sono ampiamente descritte nel nostro sito.
Conformemente alle disposizioni di Legge, è previsto il rimborso della prenotazione, purché entro i 14 giorni dall’avvenuto pagamento della stessa. Tanto è conforme alla normativa vigente ed è stata posta al vaglio delle competenti autorità, le quali sul punto non ci hanno mosso alcuna censura facendoci proseguire nella nostra attività (si veda provvedimento pubblicato il 12/03/2018 dall’AGCM).
Quando avrà definitivamente acquistato i bene, potrà esercitare nuovamente il diritto di recesso dall’acquisto ai sensi dell’art. 52 del Codice del Consumo, il quale esplicitamente prevede che il termine di 14 giorni decorre “nel caso di contratti di vendita, dal giorno in cui il consumatore o un terzo, diverso dal vettore e designato dal consumatore, acquisisce il possesso fisico dei beni”. La norma in questione non si presta ad alcuna interpretazione ed è chiara nel prevedere il possesso fisico del bene per poter esercitare il diritto di recesso di un prodotto acquistato. Allo stato, inoltre, i prodotti non sono ancora da Lei acquistati ma solo prenotati in attesa di completamento o del pagamento o dell’uso del Suo referral code.
Del resto, Le facciamo notare che nel caso di esercizio (legittimo) del diritto di recesso la nostra azienda ne riceverà un danno di cui dovrà tenerci indenni. Infatti, ha fatto ottenere ad altre persone da Lei scelte di cui ha utilizzato il referral code un corposo sconto sul presupposto dell’incasso da parte nostra della somma di cui, invece, richiede la restituzione.
Cordialmente
Lo staff di Girada
Salve, Voglio rescindere i seguenti ordini del 30/11/2017 visto che non
ho ricevuto la merce comprata. Per la legge italiana, il diritto di recesso è esercitabile fino a 14 giorni DOPO LA CONSEGNA del bene, anche se il contratto prevede altro. Si tratta infatti di clausola vessatoria.
Desidero il rimborso totale per i 3 ordini effettuati. Se non mi verranno restituiti i soldi entro 15 giorni dalla data di arrivo della mail sarò costretto ad andare per vie legali con beneplacito di spese e danni.
Buona giornata
Denis, da Voghera (PV)

Risposta:
iniziamo con il dire che il provvedimento dell'Antitrust che riguarda Girada, e che la società menziona nella lettera che le ha inviato, è del marzo 2018, quindi successivo al suo ordine che - di conseguenza - è stato effettuato in un momento in cui - anche per l'Antitrust - la condotta tenuta da Girada era scorretta.
In secondo luogo, la norma che disciplina il diritto di recesso prevede che il periodo di recesso termina dopo quattordici giorni a partire dal giorno in cui il consumatore acquisisce il possesso fisico dei beni (nel caso di vendita di beni, quale è il suo). Quindi, a noi la norma sembra molto chiara nel senso opposto a quanto inteso dalla società. Riteniamo inoltre che in questo caso l'Antitrust non abbia valutato a fondo le conseguenze di questo genere di condotte.
Ad ogni buon conto, le suggeriamo di fare una segnalazione allo sportello del Garante della concorrenza e del mercato: http://www.agcm.it/consumatore/55-tutela-consumatore/contact-center/5616-come-segnalare.html, allegando le vostre comunicazioni e rappresentando all'Antitrust che Girada rifiuta il recesso per ordini avvenuti prima del provvedimento dell'Autorità e che lamenta il danno da "avvenuta attribuzione ad altri" del loro completamento dell'ordine tramite il suo pagamento.
Contemporaneamente, le suggeriamo di rispondere a Girada rappresentando quanto sopra indicato. In caso di mancata risposta o di risposta negativa dovrà rivolgersi al giudice di pace.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori