testata ADUC
costi disattivazione linea tim
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
17 maggio 2019 0:00
 
Salve, volevo un consiglio su come muovermi per una fattura tim inerente la disattivazione della linea telefonica con adsl:
ho chiesto la disattivazione della linea telefonica per aderire ad un nuovo contratto, come risulta dal sito mytim, posseggo screenshot ove risulta regolarmente la data ed il numero d'ordine della disattivazione, cioe' a far data del 31.01.19 risulta sia la richiesta e sia la disattivazione fisica della linea, infatti in quella data su quell'impianto e' stata attivata una nuova utenza.
Ora mi e' arrivata sulla fattura di Aprile oltre ai normali 30 euro di costi disattivazione anche 48,5 euro di costi quali beni e servizi di "INTERNET SENZA LIMITI" per il periodo 01.02.19 - 01.03.19, beni e servizi per i quali non ho avuto possibilita' di fruizione in quanto la linea era come gia' detto disattivata al 31.01.19. Ho inoltrato reclamo via fax a Tim chiedendo lo storno dei 48.5 euro per le motivazioni di cui sopra ma mi e' stato risposto che a seguito dei loro controlli sulla questione la mia richiesta non poteva essere accolta, senza fornire ulteriori spiegazioni riguardo al diniego.
Secondo voi conviene lasciar perdere pagando quanto richiesto oppure ricorrere
a conciliaweb?
Grazie per la risposta
Luciano, dalla provincia di RM

Risposta:
lei ha disdetto i servizi e ha cambiato anche il n. telefonico col nuovo gestore subentrante? in affermativa Tim si sente legittimato a richiedere a emettere fattura del canone bimestrale successivo se il 30° giorno successivo alla data di ricevimento del suo recesso, se anticipato rispetto alla scadenza naturale del contratto (niente invece se la sua era una disdetta a scadenza naturale); salvo rimborsare successivamente la quota di canone a partire dalla data di effettiva cessazione del servizio, al netto di eventuali oneri contrattuali a saldo.
Se invece ha chiesto una migrazione conservando il numero telefonico, dovrà chieder conto anche al nuovo gestore, fermo restando che lei non può pagare due volte lo stesso servizio.
Questo percio' che dovrebbe fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al/i gestore/i con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori