testata ADUC
Disdetta SKY
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
14 febbraio 2020 0:00
 
Salve, nel mese di settembre 2019 ho disdetto l'abbonamento a Sky tramite pec. Un operatore di Sky mi ha contattato proponendomi un nuovo contratto promozionale a 24 euro al mese, contro i 29 del vecchio.
Ho aderito, però dopo due mesi ho dovuto disdire per abbattere i costi del budget familiare. Sky mi ha fatturato la differenza dei due mesi del nuovo contratto tra la tariffa promozionale a 24 euro e il prezzo pieno.
Fin qua tutto bene, ora mi vedo recapitare una fattura di 120 euro per recesso anticipato, credo riferito al primo contratto.
Vi chiedo gentilmente,
se il primo contratto è stato chiuso con uno nuovo con registrazione telefonica, il primo ha perso efficacia a mio avviso e il secondo avendo avuto solo due mesi di durata devo pagare solo la differenza come detto in precedenza sempre e solo ai due mesi.
Ho mandato una pec a Sky dove spiego il mio rifiuto a pagare i 120 euro, e intimandoli di non inviarmi più richieste di pagamento.
Vi chiedo è giusta la mia posizione? Grazie anticipatamente per la risposta.
Giovanni, dalla provincia di RA

Risposta:
il vecchio contratto lo ha disdetto, e poi ha attivato il nuovo. Quindi non c'è relazione tra i due. Il vecchio contratto disdetto con pec, era una disdetta anticipata rispetto alla durata della promozione? In questo caso va applicata la stessa regola del nuovo contratto, con il pagamento a tariffa intera per il periodo in cui è stato loro cliente. Inoltre, nel vecchio contratto va verificato quali erano i costi per la disdetta.
Se le cose non tornassero, questo cio' che dovrebbe fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori