testata ADUC
Disdetta Telecom tramite PEC
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
25 maggio 2020 0:00
 
Buongiorno, vi scrivo per avere informazioni riguardo cessazione di un contratto telefonico per decesso dell’intestatario.
Mio padre, intestatario di contratto telefonico con servizio internet fibra con TIM, è venuto a mancare nel mese di agosto 2019.
In data 29/09/2019 invio a TIM, tramite PEC, una lettera di disdetta in cui dichiaro il decesso di mio padre e il recesso dal contratto a partire dal 01/10/2019.
A questa PEC non ha mai fatto seguito alcuna risposta da parte di TIM e nonostante questo sono continuate ad arrivare fatture per l’utenza cessata.
In data 02/12/2019 provvedo ad effettuare la migrazione di quell’utenza verso il fornitore WIND con utenza intestata a mio nome.
Le fatture sono state regolarmente pagate a TIM fino alla fattura di settembre.
Dopo aver probabilmente ricevuto l’ordine di migrazione, mi è arrivata la fattura di chiusura.
Attualmente, oltre alla fattura di chiusura, non risultano pagate le fatture di ottobre, novembre e dicembre.
In data 28/02/2020 E' stata inviata la "Costituzione in mora" a nome di mio padre.
Essendo deceduto l’intestatario, oltre ad aver inviato PEC per la cessazione, posso ignorare ulteriori richieste di pagamento?
Alessandro, dalla provincia di VR

Risposta:
ci sono dei passaggi non chiari nella sua spiegazione, quando dice di aver cessato l'utenza a nome di suo padre (29/09) e dopo di aver trasferito la stessa utenza a nome suo presso il gestore Wind (02/12). Mancanza di chiarezza che ci fa presupporre che lei nel frattempo abbia trasferito l'utenza a suo nome e poi ha fatto la portabilità, di fatto bloccando la cessazione a nome di suo padre di cui non aveva avuto riscontro. Questo spiegherebbe la necessità di pagare le fatture insolute, anche se la richiesta oggi arriva a norme di suo padre (per un loro errore di intestazione, forse).
Insomma, ci siamo dilungati per spiegarle che se non ci spiega le cose come stanno, non è possibile darle un consiglio tirando ad indovinare cosa possa essere accaduto.
In linea di massima, quandoi si crede di avere ragione, questo cio' che si dovrebbe fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori