testata ADUC
Fattura da linkem per mancata restituzione modem
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
4 aprile 2019 0:00
 
In data 22/12/2018 ricevo via posta ordinaria una fattura da linkem che mi obbliga a pagare un importo di € 100 per la mancata restituzione del modem.
Premetto che è sempre stata mia intenzione restituire il modem e che loro stessi mi avevano detto che sarei stato contattato per concordarne il ritiro.
Questo è quello che dice il contratto in merito"In caso di recesso o di scadenza dell’account, l’apparato dovrà essere restituito a Linkem, perfettamente integro.
In caso di mancata restituzione dell’apparato ovvero nel caso in cui il Cliente non ne abbia consentito il ritiro entro 30 giorni dalla disattivazione del servizio, Linkem avrà la facoltà di addebitare al Cliente l’importo di Euro 100 per ogni apparato fornito"
Mi sono messo in contatto con loro e sostengono che avrei dovuto chiamare per concordare il ritiro del modem, ma sul contratto non dice che avrei dovuto contattarli per concordare il ritiro ma parla di "consentire" il ritiro, e non sono mai stato contattato da loro per concordare il ritiro del modem.
Continuando a sostenere che devo pagare questa fattura per la mancata restituzione.
Come dovrei procedere?
Ho pensato di mandare un reclamo via PEC che è l'equivalente di una raccomandata.
Esiste un modulo da compilare? o comunque quale è la via più giusta da seguire in questo caso?
Secondo quello che c'è scritto nel contratto è corretto il loro modo di agire?
Grazie
Vincenzo, dalla provincia di RC

Risposta:
sebbene ci sia stato un comportamento scorretto da parte della Linkem, la pretesa è legittima poichè il modem non è stato restituito.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori