testata ADUC
Truffa servizio telefonico
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
21 novembre 2012 0:00
 
Gentile Aduc, Io l’altra sera navigavo sul browser Safari del mio iPhone e tra un click e un altro e’ comparsa una strana pagina che mi faceva una domanda e c’erano due bottoni sotto, uno gigante con scritto "si" e uno piccolo con scritto "no". La domanda era ovvia, del tipo: "vuoi aprire il link su cui hai appena cliccato?", non ricordo con precisione, ma ricordo che dentro di me ho pensato che era una domanda ovvia e quella diversa dimensione dei bottoni sotto mi sembrava molto strana. Fatto sta’ che clicco su "si", e non succede nulla ma subito mi arriva il seguente SMS: "Easyaccess. Servizio in abbonamento al costo di 5 E/set. Accedi a tutti i contenuti su http://Easyaccess.mobi/it. Per info e disattivazione 0294750301". Il mittente di tale SMS non e’ un numero ma un nome e precisamente "PartnerLive". Io ho subito chiamato quel numero e c’era una segreteria telefonica che mi ha chiesto di inserire il numero di telefono su cui disattivare il servizio. Siccome ritenevo impossibile che avessero potuto addebitarmi quei 5 euro perche’ io non ho mai dato il mio numero di cellulare, non ho fatto niente tranne che navigare con Safari su una pagina e cliccare "si" in un link, ma il mio numero non gliel’ho dato, ne nessuno mi ha chiesto che volevo attivare questo servizio, allora ho immaginato che in realta’ l’SMS fosse ingannatore e che se io avessi digitato il mio numero corretto in quella segreteria telefonica, allora solo in quel momento mi avrebbero attivato questo servizio a pagamento. Per sicurezza sono andato a verificare il mio conto telefonico Vodafone (di cui vi allego schermata) e mio malgrado ho trovato che c'era proprio questo doppio addebito da 2,5 euro al nome generico di "acquisto contenuti", e allora ho quindi dovuto telefonare a quel numero e mi sono disiscritto. Io ritengo che la Vodafone sia assolutamente conscia di questa truffa, anche perche’ sono loro che possiedono il cliente finale e qualunque fornitore terzo che addebita un servizio a un cliente Vodafone, deve poi retrocedere piu’ della meta’ dell’incasso a Vodafone stessa (ma questa pratica vale per tutti gli operatori telefonici). Vorrei capire se c’e’ un modo per riavere quei 5 euro simbolicamente, ma soprattutto per bloccare questi delinquenti e fargli restituire tutto quello che hanno rubato. Questi servizi in abbonamento dovrebbero essere messi fuori legge! Stessa cosa per la possibilita’ per un sito di prendere tutti i miei dati, compreso il numero di cellulare, e iscrivermi a un servizio senza nemmeno chiedermelo! Ancora non capisco come sia stato possibile senza il tacito accordo dell'operatore. In attesa di un vostro riscontro, vi ringrazio e vi saluto cordialmente.
Paolo, da Russi (RA)

Risposta:
disabiliti il servizio tramite la segreteria, poi invii una segnalazione al Garante della concorrenza e del mercato: http://www.agcm.it/invia-segnalazione-online.html#wrapper e all'Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni: http://www.agcom.it/Default.aspx?message=contenuto&DCId=200
Nei confronti della societa', e di Vodafone, si faccia valere con una lettera raccomandata A/R di messa in mora nella quale chiede la restituzione di quanto indebitamente prelevato nonche' delle spese sostenute (raccomandate):
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
le modalita' di funzionamento del "contratto" ci pongono molti dubbi, potrebbe anche sporgere querela
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori