testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Garante. Nuove regole privacy online
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
1 agosto 2012 12:43
 
Societa' telefoniche e Internet provider dovranno assicurare la massima protezione ai dati personali perche' tra i loro nuovi obblighi ci sara' quello di avvisare gli utenti dei casi piu' gravi di violazioni ai loro data base che dovessero comportare perdita, distruzione o diffusione indebita di dati. In attuazione della direttiva europea in materia di sicurezza e privacy nel settore delle comunicazioni elettroniche, di recente recepita dall'Italia, il Garante per la privacy ha fissato un primo quadro di regole in base alle quali le societa' di tlc e i fornitori di servizi di accesso a Internet saranno tenuti a comunicare, oltre che alla stessa Autorita', anche agli utenti le "violazioni di dati personali" ("data breaches") che i loro data base dovessero subire a seguito di attacchi informatici, o di eventi avversi, quali incendi o altre calamita'. Le Linee guida adottate dal Garante stabiliscono chi deve adempiere all'obbligo di comunicare, in quali casi scatta l'obbligo di avvisare gli utenti, le misure di sicurezza tecniche e organizzative da mettere in atto per avvisare l'Autorita' e gli utenti di un avvenuto "data breach", i tempi e i contenuti della comunicazione. Al fine di armonizzare le procedure e le modalita' di notifica, l'Autorita' ha comunque deciso di avviare una consultazione pubblica (con pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale), per acquisire da parte delle societa' telefoniche e degli Isp elementi utili a valutare l'adeguatezza delle misure individuate.
Non comunicare al Garante la violazione dei dati personali o provvedere in ritardo espone a una sanzione amministrativa che va da 25mila a 150mila euro. Stesso discorso per la omessa o mancata comunicazione agli interessati, siano essi soggetti pubblici, privati o persone fisiche: qui la sanzione prevista va da 150 euro a mille euro per ogni societa' o persona interessata. La mancata tenuta dell'inventario aggiornato e' punita con la sanzione da 20mila a 120mila euro.

 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori