testata ADUC
 U.E. - U.E. - Geoblocking. Ok da Parlamento Europeo
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
7 febbraio 2018 8:27
 
"L'esito positivo del voto sugli acquisti online chiude l'iter che dovrà semplificare virtualmente e praticamente gli acquisti degli 'shopper' di nuova generazione attraverso una normativa chiara e omogenea". E' questo il commento dell'eurodeputato di Ap/Ppe Giovanni La Via al via definitivo dato oggi da Strasburgo al divieto del geoblocking, ossia alle pratiche discriminatorie di vendita online sulla base della provenienza del consumatore. "Il ventaglio di beni fisici e servizi tra cui scegliere - sottolinea La Via - è vastissimo, dall'abbigliamento agli elettrodomestici, all'arredamento, alle prenotazioni di alberghi, noleggio auto e biglietti per concerti".
La norma approvata in via definitiva da Strasburgo impedisce ai commercianti di imporre prezzi e condizioni diverse per i consumatori nazionali e per quelli degli altri paesi Ue, indipendentemente dal luogo della loro residenza o dal Paese che ha emesso la carta di credito o di debito con cui si procede all'acquisto. Si mette così fine al reindirizzamento: quando si trova un'offerta interessante, per esempio, sulla versione francese di un sito internazionale, non si potrà più essere reindirizzati alla versione italiana dove lo sconto o il prodotto non è disponibile. Non c'è però da parte del commerciante l'obbligo di consegna in tutti i Paesi Ue, ma il consumatore si può mettere d'accordo per il ritiro degli acquisti in uno dei Paesi in cui il commerciante è operativo. Stop anche al blocco degli acquisti una volta arrivati al momento del pagamento, quando sulla base della nazionalità della carta bancaria la transazione viene annullata. Secondo uno studio della Commissione Ue, infatti, nel 2017 il 57% degli europei ha realizzato acquisti online, una percentuale che sale al 68% per gli internauti abituali, mentre un terzo dei consumatori si è rivolto a negozi di un altro Paese Ue. Al contempo solo nel 37% dei tentativi di acquisto da parte di utenti di uno stato membro su un sito web di un altro Paese comunitario è andato a buon fine. Il nuovo regolamento entrerà in vigore nove mesi dopo la sua pubblicazione, quindi entro fine anno. L'obiettivo, infatti, è che il prossimo Natale gli europei possano comprare i loro regali senza limitazioni geografiche ingiustificate. Restano però fuori dal provvedimento tutti i prodotti digitali coperti da copyright, come ha lamentato anche l'associazione dei consumatori europei, il Beuc. La speranza è che, in occasione della revisione delle misure prevista dopo due anni dalla sua entrata in vigore, si possano togliere le restrizioni anche per video, musica, giochi ed ebook. Inclusi, invece, i servizi digitali senza diritti d'autore quali cloud, firewall, memorizzazione di dati, hosting di siti web.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori