testata ADUC
Canone rai e linea adsl
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
15 luglio 2011 0:00
 
Buongiorno, ho letto la vostra pagina del maggio 2009 relativa alle pressioni che la Rai esercita per far pagare il canone anche quando non si e' in possesso di apparecchio televisivo.
La mia prima domanda e': i vostri suggerimenti sono ancora attuali?
Piu' di un anno fa mi fu richiesto di pagare il canone pur non avendo io, per mia scelta, la televisione. Risposi per raccomandata dichiarando appunto di non possedere la televisione. A distanza di un anno, ho ricevuto una loro raccomandata in cui mi si dice che, per poter chiudere la pratica, debbo sottoscrivere e inviare loro la "famosa" dichiarazione sostitutiva di atto di notorieta'.
Aggiungo di avere a casa una linea adsl, pur non avendo un computer personale. Per lavoro infatti, se sono in ferie, ma a casa, accetto dal mio datore di lavoro un portatile aziendale per leggere da casa le email di lavoro.
Sono indeciso fra:
- non fare nulla
- inviare la dichiarazione sostitutiva e vedere se si chiude cosi' o no
- farmi togliere dal mio provider tiscali internet e poi inviare la dichiarazione. In questo caso pero', se mantengo il telefono fisso con tiscali, mi rimarra' ovviamente il modem per poter ricevere il loro segnale vocale.
Grazie per un vostro parere e saluti.
Giovanni, da Milano

Risposta:
i consigli sono ancora validi perche' la situazione non e' cambiata.
Le consigliamo di inviare tramite raccomandata A/R la dichiarazione sostitutiva dove, per l'appunto fa notare di non possedere un pc.
Qui il settore specifico sul canone Rai: http://tlc.aduc.it/rai/
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori