portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
cerca
Rai: il principale operatore tv italiano ridotto a strumento della conglomerata Berlusconi contro Sky Italia. 'Ei fu. ...'
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Domenico Murrone
4 maggio 2010 13:15
 
Il problema nella concorrenza nel mercato televisivo italiano è... Murdoch e Sky Italia. Almeno a leggere le dichiarazioni della dirigenza Mediaset, che si oppone fortemente allo sbarco anticipato della tv satellitare anche sulla piattaforma del digitale terrestre e lamentano (e faranno causa per danni) la non concessione di Sky alla pay tv Mediaset Premium dei diritti a trasmettere sul digitale i mondiali di calcio. Insomma, è guerra aperta, anche di carte bollate. Ma la presunta vittima è tale?
Riepiloghiamo, i tratti essenziali del vischioso sistema di potere che ruota attorno a quella conglomerata che vede a capo il nostro presidente del Consiglio dei ministri:
- la famiglia Berlusconi controlla il gruppo Mediaset;
- nell'esecutivo l'uomo che detta le regole del settore è Paolo Romani (vice-ministro allo Sviluppo Economico nonche' uomo di fiducia del premier);
- l'Autorità di controllo 'indipendente' è l'Agcom, un cui membro (Giancarlo Innocenzi) è risultato essere fortemente dipendente dal capo del Governo;
- quello che un tempo era il principale operatore televisivo italiano, rinuncia a qualche milione di euro e non concede a Sky la possibilità di trasmettere sulla piattaforma satellitare i canali Rai. Quest'ultima e Mediaset, insieme, creano TivuSat;
- il Governo aumentata l'Iva sulla tv a pagamento;
- Mediaset Premium conosce un boom, e arriva ad avere 4,3 milioni di schede attive;
- Sky Italia smette di crescere, e per la prima volta a fine 2009 gli abbonati alla tv satellitare calano, attestandosi a quota 4,74 milioni (l'obiettivo 5 milioni si allontana);
- il 53% degli investimenti pubblicitari italiani finiscono alle televisioni, quota in aumento (in Germania è il 24,2%);
- Rai e Mediaset rappresentano l'83% degli ascolti (dati 2008).
E poi.
Indiscrezioni rivelano che presto la Rai, a corto di soldi, attiverà anche canali a pagamento da diffondere su tutte le piattaforme esistenti, meno una. Indovinate quale? Il digitale terrestre naturalmente (2). Così quello che ormai è uno strumento in mano alla conglomerata Berlusconi, farà concorrenza a Sky, non intaccando le potenzialità di Mediaset Premium sul digitale.
 Un bel successo anche per l'opposizione che mantiene i propri 'uomini' e direttori nella Rai.
Domani è il 5 maggio: 'Ei fu. ...'.

Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
21 maggio 2010 11:53
Rai, Santoro: consulenze e violazioni della legge sulle consulenze
13 maggio 2010 11:28
Canone/Imposta Rai. Al ridicolo, all'illogico e ai favoritismi non c'e' mai limite. Il caso del Comune di Ventimiglia
11 maggio 2010 10:33
Ordine giornalisti. A cosa serve? A censurare la liberta' d'espressione e di lavoro...
10 maggio 2010 13:51
Isoradio alla protezione civile. Spreco e doppione? Interrogazione
6 maggio 2010 14:24
Gratis? Praticamente inesistente! Con Internet e fax ingannevoli si catturano allocchi. Come rimediare
4 maggio 2010 13:15
Rai: il principale operatore tv italiano ridotto a strumento della conglomerata Berlusconi contro Sky Italia. 'Ei fu. ...'
4 maggio 2010 12:30
Censura Internet. Tribunale Firenze riapre forum Aduc su Fabio Oreste. 'Commenti legittimi e non diffamatori'... ma l'Aduc deve pagare le spese...
3 maggio 2010 13:04
Tatuaggi online. Sito con pubblicita' ingannevole? Denuncia all'Antitrust
29 aprile 2010 11:14
Censura Internet. Tribunale di Viterbo: no oscuramento forum Aduc. 'La censura esterna snatura finalita' e senso stesso dello strumento'
28 aprile 2010 11:20
L'Inno di Mameli e' degli italiani o di una casa editrice? Interrogazione
27 aprile 2010 13:52
Posta elettronica certificata. Guida pratica
Donazioni
TEMI CALDI
21 dicembre 2014 (3 post)
Campagna dell'Aduc. Disdici il canone RAI
20 dicembre 2014 (1 post)
Contenuti sotto copertura 3
20 dicembre 2014 (1 post)
Telecom
18 dicembre 2014 (5 post)
Cambio piano tariffario H3G
17 dicembre 2014 (5 post)
Le truffe colpiscono quasi sempre i piu' deboli e costano a tutti. Ma cosa passa nella testa di chi le mette in atto? Perche' continua l'inazione da parte dello Stato?
16 dicembre 2014 (1 post)
problemi con Telecom
10 dicembre 2014 (8 post)
Pubblicità ingannevole Titel/Pafal, Tar sospende provvedimento Antitrust
9 dicembre 2014 (1 post)
Abbonamenti truffa attraverso l'operatore di telefonia TRE
6 dicembre 2014 (1 post)
Abbonamento rai, appartenenza nucleo familiare
4 dicembre 2014 (1 post)
migrazione da fastweb a telecom - problematica di fastweb che non mi lascia chiudere
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori