portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Rai: il principale operatore tv italiano ridotto a strumento della conglomerata Berlusconi contro Sky Italia. 'Ei fu. ...'
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Domenico Murrone
4 maggio 2010 13:15
 
Il problema nella concorrenza nel mercato televisivo italiano è... Murdoch e Sky Italia. Almeno a leggere le dichiarazioni della dirigenza Mediaset, che si oppone fortemente allo sbarco anticipato della tv satellitare anche sulla piattaforma del digitale terrestre e lamentano (e faranno causa per danni) la non concessione di Sky alla pay tv Mediaset Premium dei diritti a trasmettere sul digitale i mondiali di calcio. Insomma, è guerra aperta, anche di carte bollate. Ma la presunta vittima è tale?
Riepiloghiamo, i tratti essenziali del vischioso sistema di potere che ruota attorno a quella conglomerata che vede a capo il nostro presidente del Consiglio dei ministri:
- la famiglia Berlusconi controlla il gruppo Mediaset;
- nell'esecutivo l'uomo che detta le regole del settore è Paolo Romani (vice-ministro allo Sviluppo Economico nonche' uomo di fiducia del premier);
- l'Autorità di controllo 'indipendente' è l'Agcom, un cui membro (Giancarlo Innocenzi) è risultato essere fortemente dipendente dal capo del Governo;
- quello che un tempo era il principale operatore televisivo italiano, rinuncia a qualche milione di euro e non concede a Sky la possibilità di trasmettere sulla piattaforma satellitare i canali Rai. Quest'ultima e Mediaset, insieme, creano TivuSat;
- il Governo aumentata l'Iva sulla tv a pagamento;
- Mediaset Premium conosce un boom, e arriva ad avere 4,3 milioni di schede attive;
- Sky Italia smette di crescere, e per la prima volta a fine 2009 gli abbonati alla tv satellitare calano, attestandosi a quota 4,74 milioni (l'obiettivo 5 milioni si allontana);
- il 53% degli investimenti pubblicitari italiani finiscono alle televisioni, quota in aumento (in Germania è il 24,2%);
- Rai e Mediaset rappresentano l'83% degli ascolti (dati 2008).
E poi.
Indiscrezioni rivelano che presto la Rai, a corto di soldi, attiverà anche canali a pagamento da diffondere su tutte le piattaforme esistenti, meno una. Indovinate quale? Il digitale terrestre naturalmente (2). Così quello che ormai è uno strumento in mano alla conglomerata Berlusconi, farà concorrenza a Sky, non intaccando le potenzialità di Mediaset Premium sul digitale.
 Un bel successo anche per l'opposizione che mantiene i propri 'uomini' e direttori nella Rai.
Domani è il 5 maggio: 'Ei fu. ...'.

Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
4 maggio 2010 13:15
Rai: il principale operatore tv italiano ridotto a strumento della conglomerata Berlusconi contro Sky Italia. 'Ei fu. ...'
Donazioni
TEMI CALDI
19 luglio 2014 (1 post)
disdetta rai
17 luglio 2014 (3 post)
Lettara RAI "strana"
15 luglio 2014 (4 post)
Campagna dell'Aduc. Disdici il canone RAI
15 luglio 2014 (1 post)
Variazioni contrattuali Tim e Vodafone
14 luglio 2014 (4 post)
Truffa cubovision Telecom
12 luglio 2014 (7 post)
Pos partite Iva – canone Rai – Tasi... 'cosi' e' (se vi pare)'
11 luglio 2014 (5 post)
Windows pre-installato e class action contro Microsoft. Lo stop del Tribunale di Milano e la condanna di Aduc a pagare
5 luglio 2014 (1 post)
Telefonia fissa. Cambio operatore e codice segreto antitruffa: la cultura iper-regolistica dell'Agcom non risolve i problemi. Contro i gestori truffaldini: piu' controlli e sanzioni
3 luglio 2014 (1 post)
cessazzione contratto Vodafone
2 luglio 2014 (3 post)
Imposta/canone Rai per le partite Iva? E' legittimo, anche se ingiusto. Ora aboliamolo!
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori