testata ADUC
 MONDO - MONDO - Apple e obsolescenza programmata. Crescono le inchieste giudiziarie
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
22 gennaio 2018 12:09
 
Diverse iniziative giudiziarie sono in corso in diversi Paesi dopo che Apple ha ammesso di aver volontariamente rallentato dei vecchi modelli del suo telefono.
L’ufficio del procuratore di Seul ha annunciato lo sorso 19 gennaio l’apertura di un’indagine su Apple, dopo che un’associazione di consumatori sud-coreana ha depositato una denuncia, cosi’ come fa sapere il quotidiano Korea Herald. Questo dopo che Apple ha riconosciuto di aver deliberatamente rallentato i suoi vecchi modelli di iPhone per, secondo loro, far durare di piu’ la batteria.
L’ultima notizia del genere viene dall’Italia, dove e’ stata aperta una simile indagine, coinvolgendo anche Samsung. In Francia, la procura ha aperto un’indagine preliminare lo scorso 5 gennaio per “obsolescenza programmata” e “frode”.
Apple è anche oggetto di numerose denunce negli Stati Uniti. In Cina, un’organizzazione di difesa dei consumatori ha chiesto, la settimana scorsa, delle spiegazioni ad Apple dopo aver ricevuto piu’ di 2.600 segnalazioni nel corso del 2017, cosi’ come fa sapere l’agenzia stampa Chine News.
Le concessioni di Apple
Dopo le accuse di un tecnico esperto di performance dei telefonini, Apple aveva riconosciuto, alla fine di dicembre, che l’ultimo aggiornamento del sistema operativo degli iPhone rallentava deliberatamente le performance dei suoi vecchi modelli. Apple, per l’occasione aveva spiegato che cio’ era programmato al fine di evitare che le batterie, invecchiando, smettessero di funzionare. Spiegazione che non e’ riuscita a calmare i dubbi dei consumatori, parte dei quali ritengono che l’azienda americana abbia volontariamente rallentato i vecchi iPhone per spingere i loro proprietari ad acquistarne dei nuovi,
Apple ha reagito annunciando il lancio di un programma di sostituzione delle batterie ad una tariffa scontata rispetto ai prezzi abituali, e il suo amministratore delegato, Tim Cook, ha promesso che i consumatori potranno presto decidere o meno se il proprio iPhone possa essere rallentato per preservare la batteria.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori