testata ADUC
 GERMANIA - GERMANIA - Passare meno tempo su Facebook aumenta la sensazione di benessere
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
22 marzo 2020 19:00
 
Un team di psicologi della Ruhr-Universität Bochum (RUB) in Germania ha studiato il caso di 286 utenti frequenti di Facebook. Queste persone hanno trascorso in media un'ora a consultare il social network. Ai fini dell'esperimento, 140 di questi partecipanti, per un periodo di due settimane hanno ridotto questa durata giornaliera di 20 minuti. Il resto dei volontari non ha cambiato il proprio uso ed è servito come gruppo di controllo.
I questionari sono stati utilizzati per valutare l'uso di Facebook, il benessere dei partecipanti (in particolare i sintomi depressivi) e il loro stile di vita (attività fisica, fumo) prima dell'inizio dello studio, una settimana dopo l’avvio, dopo due settimane e infine un mese, e poi tre mesi dopo la fine dell'esperienza.

Ridurre la consultazione di Facebook aumenta la sensazione di benessere
Pubblicato sulla rivista Computers in Human Behaviour, i risultati dei ricercatori mostrano che i partecipanti che hanno ridotto la consultazione su Facebook erano sia attivamente che passivamente meno dipendenti dal social network. "Questa è un'osservazione importante perché l'uso passivo, in particolare, porta a confrontarsi con gli altri, a essere invidioso e, di conseguenza, a sentirsi meno bene", commenta l'autore principale, Julia Brailovskaia. Inoltre, coloro che hanno trascorso meno tempo utilizzando i social network hanno aumentato la loro attività sportiva, fumando meno e sostenendo di essere più soddisfatti della propria vita. In due settimane, hanno avuto meno sintomi di depressione e dipendenza da Facebook rispetto a quelli del gruppo di controllo. Questi benefici erano tali anche tre mesi dopo la fine dello studio.
"Dopo il periodo di disintossicazione di due settimane, tutti questi effetti - ovvero un maggiore senso di benessere, uno stile di vita più sano - sono durati fino all'ultima valutazione, e dopo tre mesi lo studio è terminato", afferma Brailovskaia, che aggiunge che una leggera diminuzione giornaliera del tempo trascorso su Facebook è sufficiente per evitare la dipendenza e le sue conseguenze dannose.
"Non è necessario abbandonare completamente la piattaforma", conclude ila dottoressa Brailovskaia.

(da un lancio dell’agenzia AFP – France Press del 21/03/2020)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori