testata ADUC
Avrebbe finanziato la pandemia, pianificato la vaccinazione... Cosa avete letto di Bill Gates...
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
30 agosto 2020 19:23
 
 Avrebbe lanciato la pandemia, pianificato la vaccinazione della popolazione mondiale, persino organizzato un genocidio sanitario e un tracciamento generalizzato degli abitanti della Terra. Bill Gates è stato oggetto di innumerevoli articoli da gennaio prestandolo come dedito a piani machiavellici.
A metà giugno, si sente ancora leggere o ascoltare che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) "appartiene a Bill Gates", che "la coppia Gates (...) è autrice di dichiarazioni eugenetiche" e che "il vaccino Covid utilizzerà una tecnologia sperimentale e modificherà permanentemente il tuo DNA ...".
Che cos'è vero? Alcune affermazioni sono vere: la Gates Foundation ha un peso considerevole nell'Organizzazione mondiale della sanità, che le è valsa le critiche e, attraverso i suoi finanziamenti, sostiene alcuni programmi sanitari che ha scelto, come l'immunizzazione. Finanzia inoltre a volte la ricerca tecnologica per dare seguito alla vaccinazione nei paesi più poveri.
Ma Bill Gates non ha mai espresso il desiderio di ridurre o spiare la popolazione mondiale, né ha finanziato la creazione del SARS-CoV-2, tra tante altre pretese fantasiose o manipolate.

A seguire, in dettaglio, le accuse ricorrenti contro la Bill & Melinda Gates Foundation, confrontate con la realtà

"La fondazione Bill and Melinda Gates ha sostenuto Le Monde Afrique dal suo lancio"
La Bill and Melinda Gates Foundation ha sostenuto Le Monde Afrique dal suo lancio cinque anni fa. La fondazione americana ha concesso una sovvenzione di circa 600.000 dollari quest'anno, o 530.000 euro (2,1 milioni dal 2019 al 2021 in tutto, o 1,8 milioni di euro). Questa borsa di studio aiuta Le Monde Afrique ad affrontare i problemi di sviluppo, nel massimo rispetto dell'indipendenza editoriale. Permette di assegnare più giornalisti al trattamento di argomenti riguardanti l'Africa, siano essi giornalisti con sede a Parigi o liberi professionisti che vivono nel continente. La Gates Foundation aiuta anche il Guardian in Gran Bretagna e El Pais in Spagna.

"Bill Gates controlla l'OMS"
Cosa si dice
L'ex uomo più ricco del mondo è accusato di dare il la all'OMS. "Bill Gates ora possiede gran parte dell'OMS", ha affermato il professor Christian Perronne, ex presidente della Commissione speciale per le malattie trasmissibili dell'Alta Commissione per le malattie trasmissibili, ad esempio, in un'intervista con Sud Radio. Prima di insistere: "L'OMS appartiene ora a Bill Gates, è un fatto risaputo. "E in Cina", aggiunge l’editorialista André Bercoff.
COSA È VERO
• Peso considerevole nel bilancio dell'OMS
La Gates Foundation è l'attore non statale più potente del pianeta. La sua dotazione finanziaria è di circa $ 46,8 miliardi nel 2018, un importo superiore al prodotto interno lordo (PIL) della Costa d'Avorio, della Giordania o dell'Islanda. Se la Gates Foundation fosse uno Stato, secondo i dati della Banca mondiale, sarebbe il 91mo più ricco del mondo.
Il suo peso è particolarmente importante nel campo della salute, il centro della sua attività. La Bill and Melinda Gates Foundation è il secondo maggior contribuente al bilancio biennale dell'OMS e si appresta a divenire il primo dopo il congelamento dei finanziamenti statunitensi. È anche, prima degli Stati Uniti, il principale finanziatore dell'alleanza GAVI, l'Alleanza per i vaccini.
La Gates Foundation è il secondo contributore diretto al bilancio dell'OMS
A parte gli Stati Uniti, nessun Paese o ONG ha contribuito maggiormente al bilancio dell'OMS per il biennio 2018-2019.
La Bill and Melinda Gates Foundation ha effettuato 37 versamenti all'OMS nel 2019, per un totale di $ 194 milioni. Questa influenza è anche indiretta, poiché l'ONG investe in molti Paesi (come la Nigeria) o organizzazioni (come l'alleanza GAVI per la vaccinazione globale, i programmi di sviluppo delle Nazioni Unite o, in passato, il National Philanthropic Fiducia), che sono tra i principali donatori di minoranza nel bilancio dell'OMS.
• Un'influenza discutibile sulla salute globale
Questa massiccia filantropia non è priva dei suoi problemi di principio. "Dovrebbe essere soggetto al controllo da parte di stati e cittadini, dato il suo grande potere e la sua pesante minaccia per le nostre democrazie", avverte Lionel Astruc, autore del sondaggio The Art of False Generosity. The Bill & Melinda Gates Foundation (Actes Sud, 2019).
Questo giornalista e scrittore accusa il miliardario di aver acquisito un peso critico che gli consente di far girare la bilancia a favore di alcune delle sue convinzioni, come l'agricoltura OGM o la vaccinazione di massa, a detrimento dei rimedi naturali. Crede inoltre che l'estremo impegno della Fondazione Gates per l'eradicazione della polio ponga la necessità di combattere altre malattie più comuni come il morbillo.
Infine, la fondazione Gates finanzia programmi per combattere la fame e la malnutrizione che utilizzano modelli di industrializzazione che sono distruttivi per l'ambiente, imperniando il gruppo internazionale di esperti indipendenti sui sistemi alimentari sostenibili (IPES-Food).
Il rapporto: Gates Foundation: critica degli investimenti nella ricerca agricola in Africa
CHE COSA È ESAGERATO
• Gates non è "proprietario" dell'OMS
Dire che Bill Gates è "il proprietario dell'OMS" è nel migliore dei casi un’iperbole, o una fantasticheria. Da un punto di vista legale: l'OMS è un'organizzazione sovranazionale che dipende dai suoi Stati membri, con lo status di agenzia specializzata delle Nazioni Unite, secondo la sua Costituzione.
Anche dal punto di vista finanziario, questa è un'affermazione esagerata. Anche sommando tutte le altre situazioni che finanzia, sia che sia notevole (l'alleanza GAVI, fino al 19,7%) o aneddotica (Rotary International, a cui ha appena donato $ 25.000), la "galassia" della Gates Foundation rappresenta meno del 25% del budget totale dell'organizzazione e non è quindi nella maggioranza, anche se il suo peso rimane considerevole.
• Governance complessa
Riassumendo: l'OMS, con la Gates Foundation evidenzia la complessità della governance dell'agenzia delle Nazioni Unite. Il peso assunto dalla coppia di miliardari è quindi vuoto, nonostante ill disinvestimento degli stessi Stati, in un contesto di crisi del multilateralismo.
Inoltre, come ha dimostrato la crisi del coronavirus, le relazioni di potere all'interno dell'OMS si basano su una geopolitica sottile, che non riflette solo la quota dei contributi di bilancio. L'agenzia delle Nazioni Unite è stata accusata di essere molto vicina alla linea cinese durante la pandemia, mentre il Paese in cui si diffondeva la SARS-CoV-2 rappresenta solo lo 0,21% dei suoi conti.

"Bill Gates ha predetto la pandemia"
Cosa si dice
Secondo quanto riferito, il miliardario filantropo ha profetizzato l'arrivo del nuovo coronavirus, o addirittura creato la SARS-CoV-2. Questa voce, emersa alla fine di gennaio, ha ricevuto un rinnovato interesse in primavera attraverso discorsi virali di un parlamentare italiano, poi espulso dal movimento anti-sistema Cinque Stelle, che ha accusato Bill Gates di crimini contro l'umanità.
Bill Gates è anche accusato di aver finanziato un istituto di ricerca britannico in possesso del brevetto del coronavirus responsabile di Covid-19. Una persona su otto ritiene che il miliardario americano abbia avuto un ruolo nella creazione del virus, secondo un sondaggio australiano.
COSA È VERO
• Bill Gates aveva avvertito del rischio di una pandemia
Nel 2015, durante una conferenza TED, Bill Gates avverte che "non siamo pronti per la prossima pandemia", prendendo come prova la preparazione degli Stati e delle istituzioni scientifiche e sanitarie durante l’ultima comparsa di un'epidemia di Ebola. Descrive il profilo di una malattia che sarebbe più pericolosa: un virus aereo, con un periodo di incubazione asintomatico ma contagioso, come l'influenza del 1918. Una minaccia nota agli epidemiologi dall'epidemia di SARS dal 2002-2003.
Quattro anni dopo, il centro americano Johns-Hopkins, che sta conducendo studi finanziati dal governo e sponsor privati tra cui anche la Bill and Melinda Gates Foundation, ha organizzato un esercizio di simulazione della "pandemia di coronavirus fittizia" chiamata "Evento 201", riunendo decisori globali ed epidemiologi, per preparare una risposta coordinata in caso di comparsa di un nuovo virus.

Esiste un brevetto per il vaccino contro il coronavirus
La fondazione del co-fondatore di Microsoft finanzia il centro di ricerca britannico Pirbright, noto per la serietà del suo lavoro epidemiologico. E nel 2015 ha depositato un brevetto per un vaccino contro un coronavirus.
COSA È FALSO
• Simulare non è né prevedere né creare
Bill Gates non è Nostradamus. Alla sua conferenza TED, ha parlato del rischio di un'epidemia che potrebbe causare 10 milioni di morti; il bilancio di Covid-19 è attualmente inferiore a 500.000.
"Event 201" differisce anche dalla realtà. La simulazione immaginava un'epidemia che colpiva molti paesi del mondo, ma il suo epicentro era in un porcile in Brasile, non in un mercato cinese. Inoltre, questo evento non era una previsione, hanno detto i suoi organizzatori.
Un coronavirus aviario non correlato
Il brevetto del Pirbright Institute riguarda i coronavirus che colpiscono gli animali, in questo caso il virus della bronchite infettiva aviaria (IBV), che colpisce polli, non umani, come SARS-CoV-2.
"Bill Gates utilizza i vaccini per ridurre la popolazione mondiale"
Cosa si dice
Secondo i suoi critici, attraverso la sua politica di vaccinazioni, Bill Gates mira a ridurre la popolazione mondiale. Diversi siti e pubblicazioni menzionano effetti collaterali fino alla morte di 700.000 persone per il vaccino Covid-19, e citano 500.000 paralisi e persino molti decessi in Pakistan, o addirittura lo accusano di aver introdotto l’autismo in Vietnam o la sterilizzazione di milioni di donne in Africa.
COSA È VERO
• Il desiderio di controllare la crescita della popolazione
Bill Gates ha finanziato azioni dagli anni '90 per controllare la crescita della popolazione mondiale, prima attraverso la pianificazione familiare e l'accesso alla contraccezione, poi negli anni 2010, migliorando le possibilità di sopravvivenza per i neonati e l'aspettativa di vita dei bambini nei paesi poveri.
Il ragionamento del miliardario, rintracciato in un articolo del sito Snopes, è il seguente: il tenore di vita dei paesi poveri migliorerà grazie all'accesso delle donne all'istruzione. Uno sviluppo impossibile in paesi con elevata mortalità infantile, in cui le donne hanno gravidanze e danno alla luce famiglie numerose per compensare il basso tasso di sopravvivenza. Ma "se una madre e un padre sanno che il loro bambino vivrà fino all'età adulta, inizieranno a ridurre naturalmente le dimensioni della popolazione" dando alla luce meno figli, ha spiegato Melinda Gates nel 2011.
È per questo motivo che la Bill and Melinda Gates Foundation fornisce ingenti finanziamenti per i programmi dell'OMS per migliorare la salute di donne, neonati e bambini, nonché la lotta contro la poliomielite e la malaria, due malattie che colpiscono i bambini.
La fondazione è particolarmente impegnata nella lotta per l'eradicazione della poliomielite nel mondo. "Questa è una delle nostre massime priorità", hanno affermato Bill e Melinda Gates. Questa lotta per porre fine a questa malattia ancora presente in alcuni paesi, come il Pakistan, la Nigeria e l'Afghanistan, sta impegnando la Global Polio Eradication Initiative (GPEI) creata nel 1988 e parzialmente finanziata dalla coppia Gates.
• I vaccini possono avere effetti collaterali
Un possibile vaccino contro la SARS-CoV-2 (che non esiste oggi) potrebbe avere effetti collaterali, come qualsiasi farmaco. Alcuni casi drammatici fanno parte della sfiducia contemporanea nei confronti della vaccinazione. Nel 1995 a 32 bambini in Inghilterra fu diagnosticata la meningite virale dopo aver ricevuto il vaccino contro il morbillo. La sfida per l'industria e gli operatori sanitari è garantire che questi effetti collaterali indesiderati siano il più rari e minori possibili.
"Li monitoriamo dall'autorizzazione all'immissione in commercio. Se osserviamo un numero anormale di effetti indesiderati, diamo l'allarme", spiega a Le Monde Mounia Hocine, presidente della Società francese di biometria, specialista nel monitoraggio degli effetti collaterali dei vaccini.
All'inizio di aprile, il miliardario americano ha spiegato con precisione che era necessario prestare attenzione, nell'ambito dello sviluppo di un vaccino a velocità accelerata come quella di Covid-19, agli effetti collaterali, che statisticamente, se si vaccinano diversi miliardi di persone, possono coinvolgerne centinaia di migliaia.
• Rari casi di polio legati (indirettamente) alla vaccinazione
La paralisi è una delle possibili complicanze della poliomielite, una malattia eradicante. In alcune situazioni molto specifiche, la politica di vaccinazione è stata paradossalmente in grado di portare alla comparsa di nuovi casi.
Una spiegazione è la coesistenza di due tipi di vaccino antipolio, uno dei quali, OPV ("vaccino orale contro la polio"), che è più economico e più facile da somministrare, contiene un ceppo attenuato, non inattivato del virus. Tuttavia, il ceppo, espulso dal corpo in escrementi dopo la vaccinazione, può trovarsi a contatto con l'ambiente nei paesi in via di sviluppo che non hanno un sistema di drenaggio, mutano e diventano virulenti (e quindi causare paralisi).
COSA E’ FALSO
• Una politica che non ha nulla di "genocida" nel merito
Bill Gates non ha mai parlato di ridurre la popolazione mondiale, e tanto meno di uccidere nessuno. Le molte parole che gli sono state attribuite in questo senso sono state distorte o fraintese. Tutto è partito da una conferenza TED alla quale il filantropo ha partecipato nel 2010. Bill Gates ha affermato proprio questo: "Oggi ci sono 6,8 miliardi di persone nel mondo. Dovremmo raggiungere i 9 miliardi. Con ottimi risultati su nuovi vaccini, assistenza sanitaria, controllo delle nascite, potremmo ridurlo, forse, del 10 o 15%, ma manterremo un fattore di aumento di circa 1,3. È il fattore di aumento, vale a dire la dinamica della crescita della popolazione, che dice di voler ridurre, non la popolazione stessa”.
Nel 2019, la fondazione Gates ha finanziato principalmente la lotta contro la mortalità materna e infantile
La salute materna, neonatale e pediatrica, nonché il sostegno alla contraccezione, sono i programmi dell'OMS maggiormente supportati dall'ONG, nella lotta contro la malaria e la poliomielite.

Molte esagerazioni e disinformazione sui pericoli dei vaccini
L'incomprensione è alimentata da numerose indiscrezioni, senza valore scientifico, sugli effetti dei vaccini, nonostante le citazioni di apparenti esperti. "Nei discorsi anti-vaccino, c'è spesso uno studio pubblicato che ha cercato di dimostrare che questo o un altro adiuvante fosse tossico, ad esempio quello del professor Romain Gherardi sul [pericolo dell'uso come adiuvanti di] sali di alluminio. Solo che non potrebbe mai essere riprodotto. Nel caso di Andrew Wakefield [che voleva stabilire il legame tra vaccinazione e autismo], la pubblicazione scientifica esiste, ma è stata ritirata perché i dati non erano corretti", spiega Laurent-Henri Vignaud, storico specializzato in movimenti "antivax".
Le voci che accusano Bill Gates di aver sterilizzato milioni di donne africane è in circolazione da almeno il 2014, intensamente diffusa dai religiosi cattolici in Kenya. Le analisi commissionate nell'ambito delle vaccinazioni delle donne keniote contro il tetano hanno dimostrato questa affermazione. Ma queste analisi sono state ritenute inaffidabili dall'UNICEF e dall'OMS.
Molte delle cifre presentate sono false o distorte. L'agenzia stampa AFP ricorda che, secondo i dati pubblicati dall'OMS, tra il 2000 e il 2017 in India c'erano solo 17 casi ufficiali di poliomielite a seguito di virus derivati ??da ceppi di vaccino e non 500.000 casi.
• I vaccini non uccidono
Bill Gates non ha mai menzionato "700.000 feriti o morti" vittime di Covid-19, ma la possibilità che con la vaccinazione su "scala gigantesca", anche con un tasso statistico molto basso di effetti collaterali, 700.000 persone potrebbero essere colpite.
Gli effetti collaterali dei vaccini sono soggetti a un monitoraggio farmacologico molto intenso, che a volte può portare alla sospensione di un ceppo per motivi di sicurezza. "Già gli effetti collaterali non li lasciamo passare, quindi un vaccino che uccide è impossibile", dice Mounia Hocine.

"Bill Gates vuole prendere in giro le persone"
Cosa si dice
Il fondatore di Microsoft è sospettato di voler sfruttare l'attuale pandemia per controllare e rintracciare la popolazione mondiale. Per svolgere la sua "missione", Gates vorrebbe impiantare chip sottocutanei per monitorare i dati sanitari degli individui e utilizzare il Covid-19 "per la sorveglianza generale degli esseri umani". Queste accuse, diffuse in tutto il mondo, hanno avuto anche una certa eco in Francia quando l'attrice Juliette Binoche ha denunciato pubblicamente a maggio le "operazioni di Bill Gates" di una "pulce sottocutanea".
COSA È VERO
• Esistono ricerche su una vicenda di vaccinazione sottocutanea
Un articolo su Le Monde Afrique pubblicato nel 2019 è spesso citato per sostenere voci che accusano il signor Gates di voler mettere "chip" sull'umanità. Riferisce che la fondazione Gates ha finanziato nel 2019 un progetto ideato da un team del Massachusetts Institute of Technology (MIT) per testare una "scheda di vaccinazione cutanea iniettata" in Kenya e Malawi, al fine di avere una migliore conoscenza della storia di immunizzazione di ogni persona nei paesi in cui le cartelle cliniche sono talvolta inesistenti.
Questo taccuino è stato immaginato sotto forma di nanoparticelle iniettate sotto la pelle: "La ricetta finale è composta da nanocristalli a base di rame, chiamati punti quantici, 3,7 nanometri di diametro e incapsulato in microparticelle da 16 micrometri”, ha dettagliato l'articolo.

• Bill Gates raccomanda certificati digitali per il tracciamento di Covid-19
Questa teoria è stata rafforzata da una conversazione pubblica tenutasi a marzo sul forum Reddit. Alla domanda sulle conseguenze economiche e sociali della crisi di Covid-19, Bill Gates ha risposto che in futuro ci sarebbero "certificati digitali per chi è guarito o è stato testato di recente o, quando abbiamo un vaccino, che lo stesso sia stato inoculato".
• Microsoft ospita i dati sanitari in Francia
La società fondata da Bill Gates nel 2016 ha ottenuto l'autorizzazione per l'hosting di dati sanitari collaborando con ospedali francesi e aziende specializzate.
COSA E’ FALSO
• Né un microchip né un progetto globale
Metti end-to-end (la retorica cospirativa spesso suggerisce di "collegare i punti insieme" - "collega i punti" in inglese), questa informazione disegna un progetto spaventoso. In realtà si tratta di tre informazioni separate.
Intervistato dall’agenzia stampa Reuters, uno degli ingegneri del MIT che ha lavorato al progetto dal 2016 spiega che la tecnologia associata ai punti quantici non era "un microchip". Questa tecnologia consentirebbe a uno smartphone vicino alla pelle di leggere le informazioni sui vaccini.
Non contiene alcuno strumento che consenta la geolocalizzazione permanente di una persona. Inoltre, contrariamente all'idea che Bill Gates avesse in mente un piano di chip per la popolazione globale, il progetto era destinato a essere implementato nei pochi paesi senza un sistema di monitoraggio medico.
• Due progetti non correlati
I "certificati digitali" a cui fa riferimento Bill Gates per quanto riguarda le schede di vaccinazione pandemica e sottocutanea Covid-19, non intendono tracciare il pianeta. Le sue osservazioni sui certificati digitali "si riferiscono agli sforzi per creare una piattaforma digitale open source per espandere l'accesso ai test domestici sicuri", ha detto alla Reuters la Bill e Melinda Gates Foundation. Questo certificato digitale costituirebbe una specie di carta d'identità che consente di sapere se una persona è risultata positiva per Covid-19.

• Un progetto di "big data", più che di "Big Brother"
Microsoft, di cui Bill Gates è uno dei fondatori, è, come Amazon e Google, uno dei giganti globali dell'hosting dei dati. Non si tratta tuttavia di spiare la popolazione, ma, come spiegava Le Figaro all'epoca, di utilizzare l'intelligenza artificiale, ad esempio nell'analisi delle immagini mediche. Questa autorizzazione in un settore sensibile, tuttavia, solleva questioni di sovranità digitale e sicurezza IT. Fatte salve norme rigorose, è rinnovabile ogni tre anni.

(articolo di William Audureau e Assma Maad pubblicato sul quotidiano Le Monde del 24/06/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori