testata ADUC
Cosa ci insegna la peste nera per comprendere il domani del Covid-19
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 aprile 2020 20:26
 
 Le due grandi crisi storiche che vengono in mente in questo periodo della pandemia di coronavirus (COVID-19) sono ovviamente da un lato la peste nera della fine del Medioevo, la cui fase più grave si è verificata tra 1347 e 1353, ma che si ripeté poi ad intervalli irregolari fino al 1720 con la grande peste di Marsiglia, e che coinvolse, solo nel XIV secolo, circa un terzo della popolazione europea; e l'influenza spagnola del 1918-1919 che uccise più persone della prima guerra mondiale, vale a dire circa cinquanta milioni di morti su tutto il pianeta.

Per cominciare, sembra - da un recente lavoro in particolare di due ricercatori britannici, Susan Scott e Christopher Duncan - che la peste nera non fu dovuta alla peste bubbonica, ma precisamente a un virus come gli attuali Ebola o Corona, sebbene naturalmente all'epoca era presente anche la peste bubbonica. La velocità di propagazione in particolare è incompatibile con la peste bubbonica, ma più con l'effetto di un virus. Naturalmente la spaventosa mortalità all'epoca è la conseguenza della totale assenza di soluzioni e comprensione del male, che non è il caso del nostro tempo, grazie ai progressi della medicina e della ricerca in virologia. Si provi ad immaginare, al giorno d’oggi, con l'epidemia in atto, una totale assenza di idee in merito, una totale assenza di misure di confinamento, una totale assenza di ospedali, respiratori e tutte le tecniche mediche, e ci si fa un'idea di cosa potrebbe accadere rispetto a quello che è successo quasi 700 anni fa ...
Ma in realtà - qualunque sia la causa esatta della Morte Nera del XIV secolo, e sotto questo aspetto il termine inglese Morte Nera sembra più adatto, dal momento che non siamo sicuri che sia stata una peste - ciò che ci interessa qui sono le conseguenze di questo massacro, come quello degli anni immediatamente successivi alla prima guerra mondiale.

La peste nera - dal momento che deve essere chiamata con il suo nome - ha avuto effetti ben analizzati dagli storici, una carenza di manodopera, un rafforzamento del potere dei più poveri, servi, contadini, lavoratori manuali di società commerciali, e quindi un aumento dei salari reali e la fine graduale della schiavitù. Alcuni addirittura vedono l'origine del Rinascimento - questo in effetti segue il Quattrocento (il XV secolo, dopo la grande peste), anche se la successione cronologica non è causale -, altri vedono la fonte dell'Illuminismo mentre alcuni addirittura, come Nicolas Bouzou in un recente articolo, l'origine della rivoluzione industriale, che iniziò intorno al 1760, più di quattro secoli dopo!

Le conseguenze di questo crollo demografico furono molteplici. Innanzitutto si inverte il rapporto terra / lavoro, la terra diventa di nuovo abbondante. La terra meno fertile viene abbandonata, interi villaggi diventano fantasmi e la foresta riacquista persino il suolo. Molte fattorie e signori sono rovinati per mancanza di mercati, lavoratori e royalties. La terra ha perso il suo valore (il suo prezzo è stato diviso per cinque durante la Guerra dei Cent'anni) e i prezzi agricoli sono diminuiti rispetto ai prezzi dei manufatti. Le retribuzioni dei sopravvissuti aumenteranno quindi in termini reali perché la forza lavoro diventa scarsa: raddoppiati o triplicati i salari reali nel XIV secolo secondo le stime. Il minor numero di contadini rafforzerà anche la loro posizione nel contratto che li lega al signore, il che accentuerà il processo di smantellamento dei diritti feudali. I vari affitti pagati sulla terra saranno sempre più fissati dalla legge della domanda e dell'offerta e non dalla consuetudine. I problemi del XIV secolo hanno presentato l'aspetto positivo della modifica della situazione degli affittuari favorendo un sistema di sviluppo più libero, allargando le aziende che rimangono in attività e consentendo la creazione di colture diversificate, dal momento che grazie alla condivisione di queste colture il cibo può essere ridotto a causa del calo della popolazione.

Questa evoluzione è accelerata dalla moltiplicazione dei disordini sociali e coinvolge contadini o artigiani, a causa dalle molteplici “piaghe” che ricadono sulla popolazione. Le rivolte scoppiano durante i periodi di carestia o quando si tentat di controllare i salari, di tornare ai vecchi metodi o per gli aumenti di royalties e tasse. Sono repressi senza pietà dai signori o dagli Stati: le Jacqueries in Francia (1358), nelle Fiandre marittime (1323-1328), il movimento dei lavortri in Inghilterra causato dalla poll-tax del 1381, le rivolte urbane in Francia (1382), Gand (1379-82), Italia (1378-82) ... Tuttavia queste lotte allontanano per sempre il ritorno della servitù e lo sfruttamento di tipo feudale in Occidente, come la rivoluzione del 1789 farà per l'assolutismo.

Anche il commercio è crollato con guerre, calo della popolazione e disordini sociali: Bordeaux ad esempio ha visto le sue esportazioni di vino divise per otto tra il 1300 e il 1370 e l'Inghilterra ha subito una caduta identica per la sua lana nel XIV secolo; le società vedono ridursi i loro mercati e rafforzeranno i loro monopoli chiudendosi per limitare la concorrenza; le grandi fiere francesi nel XV secolo furono sospese o abbandonate per quelle di Ginevra situate lontano dai conflitti.

Ma le relazioni di mercato non spariranno, nonostante l'entità della depressione. Le città e il commercio raggiunsero un livello di sviluppo tale nel XIII secolo nell'Europa occidentale che la crisi non avrebbe provocato un ritorno generale alla terra come durante la caduta dell'Impero romano. L'economia di mercato e il capitalismo si svilupperanno sulle rovine del feudalesimo del XV secolo. Questo non sarà il caso nella parte orientale dell'Europa, dove le relazioni di mercato meno sviluppate diminuiranno ovunque e dove il ritorno alla terra sarà generale. La servitù continuerà lì per secoli (fino al XIX secolo in Russia).

Infine, gli Stati aumenteranno il loro peso nella vita militare, politica ed economica. Il rafforzamento dell'autorità reale risale innanzitutto alle crociate che indebolirono la nobiltà europea deviandola fino al XIII secolo verso l'Oriente. Per il XIV e il XV secolo, il vincitore del Premio Nobel Douglass North analizza il progresso della monarchia come una forma di scambio tra i re e i loro sudditi: il potere reale garantisce protezione e sicurezza, garantisce diritti di proprietà e attua politiche coerenti dopo decenni di caos; in cambio accettano questa autorità e in particolare le assemblee, come l’États généraux in Francia, le Cortés ad Aragón il parlamento in Inghilterra, accettano nuove tasse. Le guerre hanno anche favorito il consolidamento delle monarchie dalla necessità di imporre tasse su scala nazionale per finanziarle. Carlo V aumenta le tasse provvisorie nel 1370, che diventeranno definitive: la dimensione, che si trasforma in imposta diretta generalizzata a tutti i cittadini comuni, gli aiuti, le imposte indirette sulle vendite e la gabella, un'imposta sul sale. Le compagnie di ordinanza create da Carlo VII nel 1445 rappresentano il primo esercito regolare che lo stato deve mantenere su base permanente. La necessità di reperire fondi, da parte del fisco o prendendo a prestito, sarà un problema crescente delle monarchie europee. Gli interventi del governo centrale stanno aumentando per riempire le casse, ma anche per promuovere la prosperità del paese, essendo i due aspetti collegati. Ad esempio, la monarchia francese alla fine della Guerra dei Cent'anni inaugurerà una politica di ricostruzione del regno. E qusto rappresenta sia la comparsa delle prime forme di politica economica sia, più in generale, quella del commercialismo. Così Carlo VII (1422-1461) e Luigi XI (1461-1483) alla fine delle guerre franco-inglese e franco-borgognona adottano misure per stimolare la ripresa del commercio e delle attività industriali nazionali e intraprendono una riorganizzazione monetaria. Le autorità si impegnano a promuovere il rinnovamento economico che annuncia il Rinascimento.

L'influenza spagnola ha effetti economici meno marcati, ha avuto luogo un decennio prima della crisi del 29 e difficilmente possiamo vedere un nesso causale, soprattutto dal momento che i ruggenti anni Venti sono anche quelli di crescita economica nel quadro di una generalizzazione di eccezionali innovazioni tecnologiche, come la radio, il cinema, l'automobile, dopo la crisi del 1921, è l'inizio della società dei consumi, soprattutto in America del nord.
L'incredibile mortalità della pandemia si è aggiunta nel 1920 a quella della guerra, in un mondo devastato, con effetti ancora più gravi per i paesi che erano appena rimasti fuori dal conflitto, come la Spagna. Ma le misure adottate durante la pandemia sono molto simili a quelle odierne: chiusure di scuole e ristoranti, confinamento sociale, mascherine, divieto di raduni, costruzione rapida di strutture di accoglienza, ecc. Il numero molto più alto di vittime è dovuto alla virulenza infinitamente più grave del virus al momento rispetto a quella di oggi, e si può sperare che il bilancio delle vittime finale del coronavirus sia conteggiato con le migliaia e non coi milioni come allora.

L'attuale coronavirus e il contenimento colpiranno gravemente l'economia: calo dell'attività, calo del PIL (che alcuni stimano al 5% nel 2020, inaudito dagli anni '30), aumento del debito pubblico, disoccupazione di massa. Secondo il vincitore del Premio Nobel 2006 Edmund Phelps (o meglio il Premio Bank of Sweden in Scienze economiche in memoria di Alfred Nobel) il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti, il 3,5% prima della crisi, nel periodo di massimo successo economico di Trump, potrebbe aumentare al 32%! Per la cronaca, era al massimo durante la crisi del 1929 del 25% ...

A livello globale, tuttavia, tutto dipende dall'evoluzione della pandemia e dalla capacità del virus di essere sensibile alla temperatura, con paesi del Sud come l'Africa e l'America Latina relativamente risparmiati. In caso contrario, una catastrofe è alle porte, perché questi paesi sono poco attrezzati per affrontare l'epidemia, con carenza di letti ospedalieri, apparecchiature per la ventilazione, servizi e materiali vari, oltre al impossibilità di confinamento in favelas e altri bassifondi. La città di Guayaquil, con i morti per strada, illustra cosa potrebbe accadere in Sud America. Il prossimo mese darà una risposta a queste paure, ma oggi, con il collasso del turismo, il calo delle esportazioni, il calo delle attività economiche quotidiane da cui milioni di persone dipendono per sopravvivere giorno dopo giorno, per non parlare delle crescenti lotte sanguinarie tra i cartelli della droga che vedono ridursi i loro mercati negli Stati Uniti, abbiamo davanti a noi la prospettiva di un quadro estremamente cupo.

Ma non ci sono solo aspetti negativi: alcuni settori possono anche essere stimolati, a causa del fatto che il pubblico svuota gli scaffali dei supermercati e si precipita nelle farmacie. I produttori interessati stanno assumendo di più e aumentando i salari. La domanda anche di materiali o servizi domestici, elettronici o di altro tipo, in un momento in cui tutti si rivolgono al proprio mercato interno per migliorarlo, sta aumentando ovunque.
Come ha notato Adam Smith nella sua teoria dei sentimenti morali (1759), siamo più colpiti da un degrado che da un miglioramento, "un'asimmetria tra gioia e dolore" con cui vediamo con molta più apprensione le minaccie durante una crisi che non i benefici, quando questi ultimi si manifestano. È quindi possibile che diversi mesi di confinamento accelerino gli sviluppi già in atto, come il declino della moneta cartacea e di metallo (trasmettitori del virus) a favore della moneta elettronica in forme diverse, come il calo delle vendite in luoghi come i centri commerciali, a beneficio delle vendite online, con consegna a domicilio. Edifici dei centri commerciali che potrebbero essere trasformati in qualcos'altro, come abbiamo visto spesso con i siti dei magazzini abbandonati, che sono diventati luoghi alla moda, con ristoranti, spettacoli, musei, giochi e luoghi per passeggiare.

L'economia probabilmente si riprenderà molto presto dopo la pandemia, non c'è distruzione di massa come in una guerra, capitale fisico, macchine, abilità, saranno sempre disponibili. Dato che lo scontro fisico nei trasporti e nei luoghi di lavoro sarà maggiormente evitato, i robot, l'Intelligenza Artificiale, il telelavoro non potranno che svilupparsi ancora di più. Le perdite enormi di hotel, ristoranti, agenzie di viaggio, teatri, cinema, vari servizi di spettacoli, compagnie aeree, ecc., saranno rapidamente recuperate una volta contenuta l'epidemia e trovati rimedi o vaccini. Forse alcuni penseranno anche nostalgicamente a questa parentesi degli anni Quaranta in cui avevamo tempo davanti a noi e alla possibilità di altre attività più introverse.

Un altro probabile sviluppo è anche l'estensione del ruolo dello Stato, con l'enorme aiuto essenziale attualmente concesso alle attività economiche e ai dipendenti in difficoltà, a quelli che sono disoccupati, nonché un ritorno dell'inflazione, con l'esplosione della domanda quando il comportamento diventa di nuovo normale.
Il contenimento della globalizzazione, della mobilità, il calo di business con le produzioni cinesi che sono una sorta di laboratorio per tutto il mondo mondo, richiesti ovunque, sembrano opzioni improbabili, la grande epidemia del 1918 si diffuse sul pianeta in un momento in cui la globalizzazione era molto meno avanzata, e in particolare con il suo declino dopo il 1914 e un'era senza viaggi aerei. È la globalizzazione che consente l'aumento degli standard di vita e quindi investimenti nella ricerca, ricerca medica internazionale congiunta, garantendo la più rapida scoperta di vaccini e farmaci adatti alla bisogna. In breve, la globalizzazione è una realtà, non una scelta. Fuggire da essa, per un paese, è la strada garantita verso un impoverimento drammatico.

La socializzazione più completa dell'economia e delle imprese, richiesta dalla sinistra estrema, avrà ancor meno considerazione, perché sono le aziende private e i laboratori farmaceutici che sono più efficaci nella ricerca di rimedi e nella produzione di tutti i materiali necessari. Il fatto che molte di queste aziende si stiano rapidamente convertendo per far fronte a varie carenze ne è un buon esempio. La crisi può essere un acceleratore della storia, piuttosto che una svolta in un altro mondo, come spiega Richard Haas in un recente articolo.
Quindi la maggior parte degli sviluppi dall'inizio del XXI secolo, come la perdita di influenza dell'Unione Europea, il declino del potere americano, il ritorno ai confini, soluzioni nazionali piuttosto che internazionali (con il ruolo delle organizzazioni cancellate come l'OMS nell'attuale crisi), l'ascesa di regimi illegali aumenterà senza dubbio anziché scomparire. Un effetto, d'altra parte, dopo il ritorno alla calma, sarà l'attuazione di prevenzione, misure precauzionali, investimenti nella salute: l'epidemia ha dimostrato la mancanza di preparazione di molti paesi.

Abbiamo vissuto dalla guerra in un mondo in cui sembravano essere garantiti la pace e il progresso, la protezione contro le malattie, o almeno l'aumento della protezione, della sicurezza. Cadiamo dall'alto e scopriamo cos'è una catastrofe planetaria, scopriamo cosa vivevano i nostri anziani, che avevamo dimenticato.

Infine, l'idea dei “collassologi” e di altri estremisti, come gli ecologisti più radicali, che la crisi verrebbe dal non rispetto della natura da parte degli umani e che sia un'opportunità per tornare alle pratiche più vicine ai vecchi stili di vita, non è convincente in quanto l'intera storia dell'umanità è quella di una lotta contro una natura avara e spesso ostile. Gli uomini del 1347 erano molto più vicini alla natura, molti di loro lavoravano la terra e sappiamo cosa gli è successo.

(articolo di Jacques Brasseul, pubblicato su Atlantico del 25/04/2020)
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori