testata ADUC
Tik tok. L'app più scaricata al mondo. L'oppio del XXI secolo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 luglio 2018 12:20
 
 L'app più scaricata di quest'anno in tutto il mondo è cinese. Si chiama Tik Tok -Douyin in cinese- e ti permette di creare video di 15 secondi con un'incredibile galleria di effetti divertenti e sincronizzare l'immagine con una ampia base musicale. La sua popolarità rispetto ai rivali giganti asiatici come Pokémon Go nel resto del mondo: ha già oltre 500 milioni di utenti attivi al mese, e se ci si trova su un qualsiasi mezzo pubblico nel Paese si incontrano sempre degli zombi vengono rapiti dallo schermo dei loro telefoni, dove un flusso infinito di video non si arresta mai.
Sebbene nei clip delle ragazze predominino le riproduzioni di musica ritmata, nel nostro caso c'è tutto, dagli animali domestici che deliziano gli utenti con i loro comportamenti più divertenti, agli anziani che collezionano i migliori giochi come la dama cinese, o bambini che mostrano le loro abilità nella più tenera età. Ci sono anche quelli che fanno battute per strada - senza venir meno alla fobia, ovviamente - e che mostrano abilità straordinarie in tutti gli ambiti.
Le aziende cinesi hanno sempre più successo con le loro app. Infatti, fino a quest'anno, quelle occidentali erano sempre state le più scaricati dall'Apple Store. Ma l'anno scorso, quattro delle prime dieci erano già cinesi. E, nel 2018, colpisce anche il fatto che cinque su dieci per le quali gli utenti spendono di più, sono cinesi.
Come funziona
Il successo di Douyin sta nella sua versatilità. L'utente può cercare i video con delle parole chiave o lasciare che l’algoritmo della app indichi quelli più adatti ai propri gusti, ma di solito ci si sposta da un video all'altro senza sapere che cosa accade dopo. Link a sorpresa.
Quelli che non interessano vengono rapidamente scartati facendo scorrere il dito verso l'alto per far posto al prossimo. E, come al solito nei social network, quelli che richiamano più attenzione possono essere contrassegnati con un cuoricino o un commento. Numeri sorprendenti per video che raggiungono milioni di visite e migliaia di commenti e “mi piace”; e così che lavorano alcune clip registrate con più telecamere professionali e modificate con strumenti che vanno oltre gli effetti che che possono essere usati con l’app.
Non sorprende che con douyin si possano pubblicare video in due modi diversi: è possibile registrare direttamente dalla app, che consente di aggiungere smile e immagini 3D, rallentare o accelerare e modificare con effetti di ogni genere; oppure si possono caricare clip salvate e modificate in precedenza. Inoltre, l'app può anche essere utilizzata con la follia della trasmissione in diretta, che fa parte di uno dei loro menu.
Una app controversa
A prima vista, questa app lanciata a settembre 2016 sembra un semplice veicolo di intrattenimento. Alcuni dicono che è solo una nuova moda che durerà come Pokémon Go, perché gli utenti finiranno per stufarsene Altri, invece, assicurano che apre una nuova forma di comunicazione. La prova che quest'ultima opzione può essere vera risiede nel fatto che, a differenza di quanto è successo con altre applicazioni cinesi che hanno avuto successo solo nel mercato locale, Tik Tok provoca furori fuori dai confini del Paese comunista: è usata in gran parte del resto dell'Asia.
Ma non tutti ne celebrano il boom. Infatti, Bytedance, la società che è dietro l'app, ha avuto più di un incontro con le autorità per il "contenuto inappropriato" di alcuni video. Pechino ha chiesto di non inserire clip troppo sensuali o di promuovere uno stile di vita “fuori delle righe”. L'Indonesia, inoltre, ha reagito in modo più forte ed ha deciso, la scorsa settimana, di vietare questa app. "Ci sono troppi contenuti negativi e pericolosi, specialmente per i bambini", si è giustificato il Ministro dell'Informazione, Rudiantara. Sempre più persone credono che l'app debba richiedere un'età minima per poterla utilizzare.
Secondo un rapporto pubblicato da Tencent in aprile, il 66% degli utenti Douyin in Cina sono donne e il 75,5% di loro ha meno di 24 anni. Secondo Bytedance, tuttavia, il 40% degli utenti ha tra i 24 e i 30 anni, un fatto che l'azienda utilizza per dimostrare di essere riuscita a superare la barriera della generazione Z e ad attrarre anche utenti più anziani.
Tuttavia, il contenuto non è l'unica cosa che preoccupa. Viene anche criticato il fatto che l'app sia molto coinvolgente. Il 22% degli utenti la usa più di un'ora al giorno, e Bytedance stesso è consapevole di questo problema, motivo per cui ha aggiunto un allarme che viene emesso se il servizio viene utilizzato per più di un'ora e mezza in un giorno. Inoltre, l'utente può bloccarla dopo due ore di utilizzo e, in tal caso, è necessario inserire una password per continuare ad utilizzarla.
L’oppio del secolo XXI
Ma questi provvedimenti sono casuali e ci sono quelli che li considerano del tutto inadeguati. "Douyin è l'oppio del XXI secolo, un ostacolo allo sviluppo dell'essere umano", dice lo scrittore Zhang Qifang, che, nonostante sia nato nel 1995 e abbia innumerevoli fan della generazione Z, è uno dei maggiori critici di questo servizio. "Se vuoi distruggere il futuro di un bambino, lasciagli scaricare Douyin. È un algoritmo che divora il tuo tempo con contenuti vuoti. Offre orgasmi brevi e ripetitivi che intorpidiscono. E minimizzano l'attenzione delle persone ".
Questo è quanto sostiene per i risvolti di questa app sull'utente. Ma Zhang denuncia anche gli stili di vita che vengono incoraggiati da questa app tra i giovani. "Come è già successo con il Wanghong, Douyin ti dice che se sei carina e hai delle grandi labbra, la cosa migliore non è che studi e che ti sforzi per guadagnarti da vivere, ma che tu faccia video. È una sistema più veloce per ottenere fama e denaro facile".
Il successo dell'app è una grande notizia per l'azienda che l’ha creata, Bytedance. Insieme al successo clamoroso del suo aggregatore di notizie, Toutiao, Douyin sta catapultando la compagnia verso la celebrità del cyberspazio cinese. Sebbene sia ancora lontano dai giganti come Tencent o Alibaba, vi si sta avvicinando rapidamente e tutto indica che chiuderà l'anno con risultati economici record.
È interessante notare che ci sono quelli che accusano Douyin di copiare Musical.ly. Bene, per evitare problemi, Bytedance ha usato una strategia sempre più comune tra i giganti della tecnologia cinese: l'ha comprata.

(articolo di Zigor Aldama, pubblicato sul quotidiano El Pais del 23/07/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori