testata ADUC
Telefonare in Ue a prezzi contenuti. Una conquista dell’Unione
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
13 maggio 2019 14:55
 
 La Commissione europea ha fatto sapere che dal prossimo 15 maggio fare una telefonata in un Paese dell’Ue potrà al massimo costare 19 centesimi (1). Sono i risultati dell’abolizione del roaming (2) che è stato introdotto nell’Unione a giugno 2017. Costi che, col passare degli anni e rispetto al mercato, vengono rimodulati… che è quello che accade dal prossimo 15 maggio.
Innegabilmente si tratta di uno dei risultati dei cinque anni di presidenza Jean-Claude Junker alla Commissione. Presidenza su cui alcune cose non hanno funzionato, ma non sicuramente in materia di roaming telefonico, neutralità del web e protezione dei dati personali (3).
Un altro esempio di come l’Unione convenga per la nostra economia, oltre che sicurezza e prospettive. Non solo, ma il fatto che sul roaming si è arrivati a questi risultati grazie alle pressioni del Parlamento europeo (gli Stati membri a suo tempo erano abbastanza indisponibili) , ci serve a capire come questa istituzione sia tutt’altro che suppellettile rispetto ai poteri della Commissione e del Consiglio espressione degli Stati nazionali. La formazione del Parlamento europeo, le sue maggioranze, sono importanti per le decisioni che devono essere prese per noi cittadini utenti e consumatori.

1 - https://www.aduc.it/notizia/telefonate+nell+unione+max+19+centesimi_135724.php
2 - https://europa.eu/youreurope/citizens/consumers/internet-telecoms/mobile-roaming-costs/index_it.htm
3 - https://www.aduc.it/articolo/elezioni+europee+juncker+suoi+alleati+hanno_29512.php
 
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori