testata ADUC
Codice migraziobe Vodafone
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
12 febbraio 2020 0:00
 
Ciao
Il giorno 8 febbraio mi ha chiamato una addetta di Vodafone per comunicarmi il prossimo aumento di 10 € della bolletta. Dato che sono passato a Vodafone da TIM a valere da dicembre 2019 proprio per condizioni economiche migliorative, sono rimasto perplesso e mi sono rifiutato. Al mio rifiuto mi hanno passato la chiamata all’Ufficio Tutela del Consumatore che mi ha detto che potevi passare ad altri operatori senza alcun costo.
Ho chiesto di passare a Wind ma quando ho comunicato il mio codice di migrazione mi è stato detto che era in visive che non prevedeva la portabilità per cui avrei dovuto interrompere e dismettere la linea Vodafone ma poi ci sarebbe voluto un mese per l’attacco al nuovo operatore e nel frattempo sarei rimasto senza connessione. È legale tutto ciò? Posso sapere come poter intervenire per ristabilire la portabilità? Grazie
C, dalla provincia di BO

Risposta:
lasci stare quello che le dicono e, soprattutto, faccia tesoro della serietà di un operatore che, dopo poco più di un mese di stipula del contratto, le vuole imporre unilateralmente l'aumento del costo dello stesso. Se decide di migrare per l'aumento dei costi del contratto, lo comunichi a Vodafone e si rivolga al nuovo operatore e proceda. I costi del tutto sono uguali a zero in casi come il suo.
Nel caso le facciano storie, questo cio' che dovrebbe fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori